Posted on 7 maggio 2012 by

TendenzialMente

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+1Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Alan D. Mut­ter, acca­de­mico e mana­ger del com­parto media, si distin­gue per l’approccio inno­va­tivo ma al tempo stesso equi­li­brato. Fonte ine­sau­ri­bile di rifles­sioni a tutto campo sull’evoluzione del mondo dei media già segna­lata più volte, pub­blica un’elaborazione dei dati dei ricavi in ambito digi­tale dei quo­ti­diani statunitensi.

Il gra­fico di sin­tesi pub­bli­cato, oltre ad illu­strare chia­ra­mente come l’advertising sia una quota deci­sa­mente ridotta rispetto ai ricavi che com­ples­si­va­mente i quo­ti­diani d’oltreoceano otten­gono, mostra che la ten­denza alla cre­scita è net­ta­mente infe­riore al trend sia dei ricavi stessi che del mer­cato pub­bli­ci­ta­rio sul Web nel suo complesso.

I motivi sono facil­mente com­pren­si­bili gra­zie alla let­tura del report pub­bli­cato da Inter­net Adver­ti­sing Bureau sul mer­cato pub­bli­ci­ta­rio di Inter­net negli Stati Uniti.

Ven­gono con­fer­mati gli alti livelli di con­cen­tra­zione nella rac­colta pub­bli­ci­ta­ria con il 90% delle reve­nues con­cen­trate nelle mani dei primi 50 players, con ovvia­mente Goo­gle in cima alla lista e Face­book con una quota sem­pre più importante.

Non si tratta sola­mente di un feno­meno di con­cen­tra­zione che esclude i gior­nali ma anche di aree di ricavo dalle quali sono estro­messi per defi­ni­zione, quale la search che con­ti­nua ad essere l’area che genera i mag­giori ricavi. Si evi­den­zia inol­tre una ten­denza al declino dell’utilizzo dei CPM come modello che viene pro­gres­si­va­mente sem­pre più sosti­tuito da cri­teri di remu­ne­ra­zione legati all’effettiva performance.

For­mat e modelli di pri­cing che pena­liz­zano ulte­rior­mente la già dif­fi­cile situa­zione dell’industria dell’informazione sono un cam­pa­nello di allarme anche per i gior­nali del nostro Paese che sin ora, spiace doverlo con­sta­tare, non hanno cer­ta­mente bril­lato per inno­va­zione nelle pro­po­ste e velo­cità di rea­zione al cambiamento.

Come dicevo ieri, non esi­ste a mio avviso LA solu­zione ma esi­ste cer­ta­mente una solu­zione adatta e spe­ci­fica per cia­scuna realtà. Ces­sare di affi­darsi uni­ca­mente alle spe­ranze di ricavi dalla pub­bli­cità ed iden­ti­fi­care le leve di coin­vol­gi­mento del let­tore e, dun­que, modelli mul­ti­piat­ta­forma e mul­ti­ca­nale di ricavo è una opzione che non può atten­dere ulteriormente.

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+1Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page