Pubblicato il 1 maggio 2012 by Pier Luca Santoro

NewsGames & Gamification dell’Informazione

I new­sga­mes e gli edi­to­rial games asso­ciano la tra­smis­sione di noti­zie e infor­ma­zioni a un for­mat, che con­senta di coin­vol­gere l’utenza in un modo attual­mente ini­bito dalle tec­ni­che clas­si­che finora utilizzate.

Il panel di discus­sione al Festi­val Inter­na­zio­nale del Gior­na­li­smo appena con­clu­sosi su “Gami­fi­ca­tion: Il Con­vol­gi­mento del let­tore è un gioco” è stato dav­vero ricco di spunti ed infor­ma­zioni utili sul tema, sia gra­zie ai con­tri­buti tanto qua­li­fi­cati quanto offerti da pro­spet­tive diverse dei rela­tori che all’interazione con chi era inter­ve­nuto ad ascoltare.

Come spesso fac­cio in que­sti casi ho cer­cato di rias­su­mere, aggre­gan­doli per area di rife­ri­mento, gli argo­menti e le evi­denze emer­genti, uti­liz­zando la tec­nica del meta­plan.

Dall’esperienza inter­na­zio­nale di Garett Good­man, coor­di­na­tore inter­na­zio­nale di Citi­zen­side il social net­work pio­niere del gior­na­li­smo col­la­bo­ra­tivo con una com­mu­nity di 70.000 cittadini-giornalisti locali in oltre 150 paesi, che uti­lizza dina­mi­che di gioco per creare inte­res­santi espe­rienze inte­rat­tive che attrag­gono, moti­vano e fide­liz­zano la com­mu­nity, emerge come anche sotto que­sto pro­filo vi sia arre­tra­tezza nel nostro Paese. Molto inte­res­sante il caso di iwit­ness 24 che arriva a una per­ma­nenza di ben 28 minuti per utente sul pro­prio sito, con­tro i 4 minuti che attual­mente otten­gono le edi­zioni dei nostri quo­ti­diani online, gra­zie, anche, all’applicazione delle mec­ca­ni­che della gami­fi­ca­tion nel con­te­sto informativo.

Dal dibat­tito sono emersi con chia­rezza i van­taggi della gami­fi­ca­tion, o del game design, come ha pre­fe­rito defi­nirlo Fede­rico Fasce, appli­cato al con­te­sto infor­ma­tivo, che ha iden­ti­fi­cato in socia­lità, com­pe­tenza ed auto­no­mia i tre ele­menti chiave dei new­sga­mes e del gaming più in generale.

I gio­chi, con­tra­ria­mente alla cre­denza comune, sono una cosa seria ed anche di com­plessa rea­liz­za­zione, ele­mento che pro­ba­bil­mente, al di là delle bar­riere cul­tu­rali sul tema, frena una dif­fu­sione più allar­gata del media in questione.

I new­sga­mes, o edi­to­rial games, e la gami­fi­ca­tion appli­cata all’informazione, appro­fon­di­scono l’esperienza del let­tore, delle per­sone, creano coin­vol­gi­mento e par­te­ci­pa­zione, miglio­rando com­ples­si­va­mente di riflesso le per­for­mance di bui­sness aziendali.

Clic­cando sull’immagine sot­to­stante avrete accesso al video inte­grale di tutto il dibat­tito durato circa 90 minuti.