Pubblicato il 25 aprile 2012 by Pier Luca Santoro

Nuove Metriche per la Pubblicità Online

Goo­gle ha pre­sen­tato la set­ti­mana scorsa due nuovi sistemi, due nuove metri­che per la misu­ra­zione della pub­bli­cità on line.

Brand Active, pro­getto che intro­duce due nuove moda­lità e metri­che per la valu­ta­zione dell’efficacia della comu­ni­ca­zione pub­bli­ci­ta­ria in Rete, si pro­pone di diven­tare un nuovo stan­dard di rife­ri­mento sop­pian­tando gli attuali stan­dard che adot­tano cri­teri  ecces­si­va­mente sem­pli­ci­stici e riduttivi.

Il primo sistema pro­po­sto da Goo­gle è stato deno­mi­nato Active View ed è il più inno­va­tivo. Si tratta fon­da­men­tal­mente di un sistema che per­mette di for­nire agli inve­sti­tori pub­bli­ci­tari dati basati sulla durata dell’annuncio e la visione effe­tiva dello stesso, ed il tempo di per­ma­nenza, di visione. I para­me­tri saranno inte­grati nelle pros­sime set­ti­mane all’interno di Goo­gle Display Net­work Reserve e farà si che le aziende che inve­stano in pub­bli­cità online paghino sola­mente per gli annunci effet­ti­va­mente visti.

Si tratta di una ras­si­cu­ra­zione fon­da­men­tale sia per quanto riguarda la quan­tità, che i cri­teri legati ai CPM non garan­ti­scono a causa, banal­mente, degli ad block inte­grati nei bro­w­ser [come, non ditemi che non lo sape­vate], che per quanto attiene alla qua­lità, alla pro­fi­la­zione accu­rata degli annunci in fun­zione delle carat­te­ri­sti­che e degli inte­resse effet­tivi delle persone.

Il secondo sistema: Active GRP, è un tool, uno stru­mento che con­sente in pro­spet­tiva di misu­rare l’impatto degli annunci pub­bli­ci­tari in fun­zione del loro rating, in fuzione del numero di per­sone che in quel momento stanno con­su­mando, fruendo di un deter­mi­nato media, di una certa pagina o spa­zio. For­mula simile a quella che viene uti­liz­zata attual­mente per sapere quali canali/programmi tele­vi­sivi hanno mag­gior successo.

Ed è pro­prio alla tele­vi­sione, alle aziende che vi inve­stono che mira Goo­gle con­sa­pe­vole che senza cri­teri di affi­da­bi­lità e tra­spa­renza non si rie­sca ad attrarre in maniera signi­fi­ca­tiva le tante imprese che allo­cano sul Web una quota ancora mar­gi­nale dei pro­pri investimenti.

Si tratta di sistemi di misu­ra­zione, di metri­che che vanno al di là della sem­plice ana­lisi dei click e ini­ziano a pren­dere, final­mente, in con­si­de­ra­zione il tempo di per­ma­nenza all’interno di una pagina Web.

Come è stato detto più volte all’interno di que­sti spazi, c’è vita per i quo­ti­diani online oltre i CPM, ini­ziate, ini­ziamo, a rifare i conti e, soprat­tutto, a ride­fi­nire le strategie.

Avatar di Pier Luca Santoro
Social

Pier Luca Santoro

Marketing & Communication at DataMediaHub
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Digital Marketing Manager @etalia_net | Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification.
Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].
Avatar di Pier Luca Santoro
Social

Latest posts by Pier Luca San­toro (see all)

Creative Commons License
This work, unless other­wise expres­sly sta­ted, is licen­sed under a Crea­tive Com­mons Attribution-NonCommercial 4.0 Inter­na­tio­nal License.