Pubblicato il 11 aprile 2012 by Pier Luca Santoro

Social Popularity & Sharing Through dell’Informazione in Italia

Visto l’interesse rispetto all’ana­lisi pro­po­sta ieri, mani­fe­stato, a pro­po­sito, con nume­rose con­di­vi­sioni sulle diverse piat­ta­forme social, ho pen­sato di ren­dere dispo­ni­bili pub­bli­ca­mente i dati, le ela­bo­ra­zioni rea­liz­zate in col­la­bo­ra­zione con Human High­way gra­zie a UAC Meter.

Rispetto ai dati pro­po­sti, ho avuto modo di appren­dere che Ban­zai, società attiva nel mer­cato Inter­net e foca­liz­zata sui set­tori e-commerce, media, e Web design che da fine 2011 “con­trolla” «Gior­na­let­ti­smo», parla di 70mila let­tori nel giorno medio per la testata in que­stione e che stime, ripor­tate nella nota dell’articolo di ieri, erano quindi ecces­sive. I dati sono dun­que stati cor­retti ed impat­tano, come potrete veri­fi­care nella pre­sen­ta­zione sot­to­stante, sullo sha­ring through e sulle mappe rela­tive rea­liz­zate su tale base di dati.

L’amico Marco Dal Pozzo, ripren­dendo le ela­bo­ra­zioni for­nite, spiega che i fat­tori che influen­zano lo sha­ring through sono a suo avviso:

  • La qua­lità dei contenuti
  • La stra­te­gia social della testata
  • La pro­pen­sione alla con­di­vi­sione del pub­blico di riferimento

Con­clu­dendo che il peso mag­giore vada alla terza voce, alle terza variabile.

Ipo­tesi di lavoro che mi pare asso­lu­ta­mente con­di­vi­si­bile come, mi pare, affer­mavo già ieri con­fer­man­dolo anche su Twit­ter in una con­ver­sa­zione sul tema.

[tweet https://twitter.com/pedroelrey/status/189601494629224449 align=‘center’ lang=‘it’]

Aspetti che, per cor­ret­tezza e com­ple­tezza, vanno inte­grati con inte­resse sul tema pro­po­sto e situa­zione ambien­tale di rife­ri­mento nel momento spe­ci­fico. Varia­bili che, a parità di con­di­zione, hanno un loro impatto sull’attenzione e la con­di­vi­sione di deter­mi­nate notizie.

Le con­clu­sioni che tiravo ieri, alla luce dei dati dif­fusi in gior­nata sulle per­dite del «The Guar­dian», sono, se pos­si­bile, ancor più rilevanti.

In pro­spet­tiva, a medio-lungo ter­mine, ritengo che reste­ranno pochi gior­nali gene­ra­li­sti in grado di fare grandi volumi di traf­fico a livello inter­na­zio­nale, magari risol­vendo da qui ad allora qual­che “pro­ble­mino”; per gli altri sarà d’obbligo la spe­cia­liz­za­zione, la foca­liz­za­zione su inte­ressi spe­ci­fici delle per­sone e la capa­cità di coin­vol­gere e rea­liz­zare una comu­nità attorno a que­sti interessi.

Ini­ziate a pen­sare come sal­vare il vostro dino­sauro, par­don giornale. [#]

Note:

[#] La visione della slide n° 7 vi con­sen­tirà di com­pren­dere meglio

Nota bene — I dati rela­tivi ai por­tali [Vir­gi­lio, Libero, Yahoo, Tiscali], evi­den­ziati in rosso nella tabella pro­po­sta ieri, sono pura­mente indi­ca­tivi poi­chè non distin­guono tra i ser­vizi gene­rici dei por­tali [search, posta, com­mu­ni­ties… etc.] e i canali spe­ci­fici di news dei por­tali stessi.

Profile photo of Pier Luca Santoro
Social

Pier Luca Santoro

Marketing & Communication at DataMediaHub
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification.
Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].
Profile photo of Pier Luca Santoro
Social

Latest posts by Pier Luca San­toro (see all)

Creative Commons License
This work, unless other­wise expres­sly sta­ted, is licen­sed under a Crea­tive Com­mons Attribution-NonCommercial 4.0 Inter­na­tio­nal License.