Pubblicato il 10 marzo 2012 by Pier Luca Santoro

Gli Italiani & Twitter

Twit­ter sta riscuo­tendo sem­pre mag­gior inte­resse e suc­cesso nel nostro Paese.

Dallo sbarco di Fio­rello ai volumi di ricerca del ter­mine, sono diversi i segnali che testi­mo­niano la cre­scita espo­nen­ziale nell’adesione alla piat­ta­forma di micro­blog­ging, final­mente, anche in Italia.

In assenza di dati uffi­ciali, poi­chè come noto Twit­ter non rila­scia il det­ta­glio dell’utenza per sin­gola nazione, arriva la ricerca dell’ISPO, l’istituto di ricerca gui­dato da Man­n­hei­mer, auto­rità nel campo, a for­nire indi­ca­zioni utili sull’utilizzo, atteg­gia­mento ed orien­ta­menti degli utenti.

L’Indagine, effet­tuata a fine gen­naio di quest’anno per conto di «Nòva24», trac­cia un pro­filo suf­fi­cien­te­mente accu­rato degli ita­liani su Twitter.

Twit­ter attual­mente si posi­ziona al quinto posto in ter­mini di pene­tra­zione nell’utilizzo, non solo, come era evi­dente che emer­gesse, dopo Face­book ma anche You­Tube e per­sino Google+.

Si con­ferma, anche per quanto riguarda il nostro paese, il ruolo di new­swire, di dif­fu­sore di infor­ma­zioni e noti­zie, al quale è stato uni­ver­sal­mente eletto,  con testate gior­na­li­sti­che e gior­na­li­sti in prima posi­zione tra le cate­go­rie che susci­tano inte­resse presso gli inter­nauti di casa nostra. Ruolo che, secondo indi­scre­zioni tra­pe­late ieri, pare venga svolto senza recare bene­fi­cio eco­no­mico alcuno ai gestori della piat­ta­forma che sem­bra deten­gano la palma d’oro di peg­gior media business.

L’infografica di sin­tesi dei risul­tati, pub­bli­cata da Open­Data Blog, che la riprende  da «Nòva» de «Il Sole24Ore» di dome­nica 4 Marzo, rias­sume per­ce­zioni, dubbi, inte­ressi ed orien­ta­menti di chi uti­lizza la piat­ta­forma da 140 caratteri.

Ne emerge uno spac­cato sul rea­li­smo delle per­sone, sulla capa­cità di distin­guere e valu­tare con accu­ra­tezza anche in quel con­te­sto cosa sia di valore e cosa, invece, non lo sia, che dovrebbe ulte­rior­mente indurre a riflet­tere sui rischi che un uti­lizzo ecces­si­va­mente pro­mo­zio­nale, o comun­que auto­re­fe­ren­ziale, comporta.

Sono aspetti che dimen­ti­carsi al momento di intra­pren­dere e gestire la pro­pria pre­senza, azien­dale o per­so­nale, pos­sono rive­larsi estre­ma­mente dan­nosi per imma­gine e reputazione.

- Clicca per Ingrandire -

Profile photo of Pier Luca Santoro
Social

Pier Luca Santoro

Marketing & Communication at DataMediaHub
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Digital Marketing Manager @etalia_net | Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification.
Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].
Profile photo of Pier Luca Santoro
Social

Latest posts by Pier Luca San­toro (see all)

Creative Commons License
This work, unless other­wise expres­sly sta­ted, is licen­sed under a Crea­tive Com­mons Attribution-NonCommercial 4.0 Inter­na­tio­nal License.