Posted on 4 marzo 2012 by

Giornalismo da Cretinetti

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+5Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

«Il Gior­nale» torna oggi, dopo averlo già fatto a carat­teri cubi­tali, come d’abitudine, nellla prima pagina del 28 feb­braio scorso,  ad apo­stro­fare i No Tav defi­nen­doli “cretinetti”.

Spiega il dizio­na­rio eti­mo­lo­gico che il ter­mine cre­tino è sino­nimo, signi­fi­cato di “per­sone sem­plici ed inno­centi [.…] quasi assorti nella con­tem­pla­zione delle cose celesti”.

I casi sono due, o alla reda­zione del quo­ti­diano di fami­glia si assi­ste ad un bru­sco cam­bio nella linea edi­to­riale che, in base alla ter­mi­no­lo­gia uti­liz­zata ed al suo signi­fi­cato pro­prio, sarebbe straor­di­na­ria­mente di appog­gio alle pro­te­ste o, in alter­na­tiva, i tito­li­sti neces­si­tano di alcune lezioni basi­che di ita­liano, oltre che di bon ton probabilmente.

Direbbe il prin­cipe Anto­nio De Cur­tis, in arte Totò, “si informi cretino”!

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+5Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page