Storie da Copertina

Fiumi di parole sono state scritte in questi giorni sulla copertina del «Time» di questa settimana che è stata dedicata al nostro Presidente del Consiglio Mario Monti. La scelta di ritrarre l’attuale capo del nostro Governo è stata unanimamente interpretata come la conferma dell’autorevolezza e del buon lavoro che gli viene attribuito e riconosciuto, sancito, sugellato dalla copertina.

Peccato che così non sia assolutamente. Infatti la copertina degli Stati Uniti, dove il settimanale vende la stragrande maggioranza delle proprie copie, ha un soggetto completamente diverso, mentre Monti è rappresentato solamente sulle edizioni distribuite fuori dagli USA.

Storie da copertina che stabiliscono ancora una volta il limite tra notizie e informazione.

Foto del profilo di Pier Luca Santoro
Social

Pier Luca Santoro

Marketing & Communication at DataMediaHub
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification.
Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].
Foto del profilo di Pier Luca Santoro
Social

Latest posts by Pier Luca Santoro (see all)

Copyright © 2012. All Rights Reserved.

Foto del profilo di Pier Luca Santoro
About Pier Luca Santoro 2520 Articoli
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification. Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].

11 Commenti su Storie da Copertina

  1. Si Luca assolutamente ma, mi pare proprio, che sia in contrasto con la grande evidenza che ha avuto – pour cause? – dalla stampa nostrana. Come mai nessuno ha detto che la copertina per gli US era diversa? Tanto rumore per nulla o tanto rumore per perseguire un obiettivo ben definito politicamente? Pensaci.
    Un abbraccio
    Pier Luca

  2. Che sui nostri media ci sia un bias a favore di Monti mi sembra evidente, quindi anche le notizie vengono distorte (accecati, in buona fede o mala fede non sta a me dirlo) in tal senso. Probabilmente la differenza tra me e te è che io son più disilluso :) Comunque ieri CNBC ha pompato (negli USA) l’intervista di Monti a più non posso, giusto per la cronaca.

    Qualcuno poi prima o poi mi spiegherà, se l’informazione persegue l’interesse pubblico (penso sempre più che segua agende legate al portafoglio, anche nella grande e apparente buona stampa), perché il corriere apre con un morto per neve, quando di morti (se la morte vende) ce ne sono altri e più numerosi in altri contesti, non necessariamente in Africa. Poi dici perché non compro, non leggo e non voglio vedere i giornali…

    Sono andato fuori tema, ma ormai sono diventato allergico anche alle foto condivise su Facebook dagli amici, che parlano dei giornali (non tu ovviamente), nel qual caso la prima pagina del Corriere

    Spero tu stia meglio e che torni presto in forma Pierluca :)

  3. L’edizione americana e quelle per gli altri Paesi si rivolgono a pubblici molto diversi; la prima all’americano medio che è sempre stato interessato al proprio cortile di casa più che alla politica internazionale; la seconda a un pubblico per definizione più cosmopolita e invece molto interessato ai fatti del mondo e alla politica estera.
    Slate fa un altro esempio di doppie copertine, una per gli Usa (su un tema ‘leggero’) e l’altra più poilitica (la rivoluzione araba) per il resto del mondo, ma gli esempi sono tanti.
    Quindi la lettura che ne fa il nostro Giornalaio mi sembra impropria e quanto meno parziale.

Lascia un commento

Vai alla barra degli strumenti