Posted on 21 novembre 2011 by

Rapporto sulla Comunicazione Online in Italia

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+1Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Sono stati dif­fusi oggi i risul­tati di “Kwd Webran­king 2011 Italy”, inda­gine alla decima edi­zione sulla comu­ni­ca­zione cor­po­rate online nel nostro Paese.

L’indagine ha preso in con­si­de­ra­zione le 101 mag­giori società ita­liane per capi­ta­liz­za­zione valu­tando la loro comu­ni­ca­zione  sul web.

Emerge con chia­rezza come la Rete non venga ancora per­ce­pita come uno stru­mento per costruire la repu­ta­zione azien­dale e differenziarsi.

I risul­tati evi­den­ziano come il pro­blema non sia dimen­sio­nale, come si evince dalla tavola di sin­tesi che effet­tua il ben­ch­mar­king delle per­for­mance delle imprese ita­liane in rela­zione al pun­teg­gio mas­simo, bensì cul­tu­rale, con­fer­mando quanto evi­den­ziavo in una mia recente inter­vi­sta.

Carenti tutte le aree di comu­ni­ca­zione rela­tive alla rela­zione sia con il pub­blico esterno, social media e press, che con quello interno. Per dirla con le parole di Joa­kim Lun­d­quist, rap­pre­sen­tante della società che ha con­dotto l’indagine, “appare evi­dente ancora una man­canza di miglio­ra­mento con­creto della comu­ni­ca­zione online di molte società quo­tate ita­liane. Il per­corso è ini­ziato, ma per rag­giun­gere vera aper­tura e tra­spa­renza è neces­sa­rio un’evoluzione nella men­ta­lità di chi guida le aziende”.

 Per­for­mance ita­liane in rela­zione al pun­teg­gio mas­simo [aree chiave]

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+1Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page