Archive: 18 novembre 2011

Pubblicato il 18 novembre 2011 by Pier Luca Santoro

Monitorare la Condivisione Sociale delle Notizie

E’ stato lan­ciato ieri «Rip­pla»: sito web che moni­tora e trac­cia quali sono le noti­zie che mag­gior­mente ven­gono con­di­vise dai lettori.

Rea­liz­zato da Sunny Hun­dal, gior­na­li­sta e blog­ger al «Guar­dian», al momento si con­cen­tra sulle fonti d’informazione anglo­sas­soni clas­si­fi­cando la dif­fu­sione delle noti­zie in base a quanto ven­gono con­di­vise nei diversi social net­work. Il sito, ancora in ver­sione beta, man­tiene trac­cia delle ultimo giorno con aggior­na­menti orari. Si viene così, ad esem­pio, a sco­prire quale impatto emo­tivo abbia avuto la “pub­bli­cità shock” di Benet­ton che com­pare tra le “top sto­ries” del giorno con oltre 7mila con­di­vi­sioni della notizia.

Molto inte­res­sante anche il wid­get rea­liz­zato che con­sente di veri­fi­care inte­resse e con­di­vi­sione di qua­lun­que noti­zia incluse quelle dif­fuse dagli organi d’informazione del nostro Paese.

Per testarne il fun­zio­na­mento ho scelto di veri­fi­care il livello di con­di­vi­sione del testo inte­grale del discorso al Senato di Monti pub­bli­cato dal «Post».  I risul­tati, sot­to­ri­por­tati nello screen­shot, con­fer­mano l’affidabilità dello stru­mento che for­ni­sce gli stessi numeri che appa­iono al fondo dell’articolo in que­stione e che sono inte­grati da altri social net­work sui quali è stato [ri]proposto.

Stru­mento, tool, che i com­mu­nity mana­gers del seg­mento edi­to­riale pos­sono ini­ziare ad uti­liz­zare da subito.

[Via]

Pubblicato il 18 novembre 2011 by Pier Luca Santoro

Nuvole tra i Monti

Le word cloud, le nuvole di parole, rea­liz­zate a par­tire dal discorso di Monti ieri al Senato e, per con­fronto, di quello della “discesa in campo” nel 1994 di Ber­lu­sconi.

Una legge ele­men­tare di psi­co­lo­gia della comu­ni­ca­zione dice che più le parole ripe­tute sono astratte e inter­pre­ta­bili con lar­ghezza di signi­fi­cati, più alto è il rischio che siano pas­se­par­tout, che non impe­gnano l’emittente e pos­sono essere equivocate.

Se prima era­vamo all’inferno, adesso siamo in pur­ga­to­rio.

Il testo del discorso di Monti

Il discorso della discesa in campo “Per il mio paese”