Pubblicato il 11 novembre 2011 by Pier Luca Santoro

Correlazioni: Il Dato è Tratto

A com­ple­mento e com­ple­ta­mento della visione che emerge dalle ela­bo­ra­zioni rea­liz­zate nell’ultima set­ti­mana, sol­le­ci­tato da una mail a com­mento dei dati, invia­tami da un pro­fes­sio­ni­sta del set­tore di cui ho stima e con­si­de­ra­zione,  ho deciso di para­go­nare i dati pre­ce­de­mente pro­dotti rela­ti­va­mente all’online con quelli delle ven­dite  [edi­cola + abbo­na­menti pagati] dei quo­ti­diani nella loro ver­sione cartacea.

Obiet­tivo dell’analisi veri­fi­care il mer­cato con­ten­di­bile, quello di chi va a com­prare in edi­cola ed ha la pos­si­bi­lita’ di sce­gliere una qua­lun­que testata, e ogni volta che com­pra un gior­nale fa una scelta, come avviene altret­tanto ogni volta che punta un bro­w­ser ad un indi­rizzo di un sito web di un quo­ti­diano online.

L’elaborazione rea­liz­zata si basa sui dati aggior­nati a set­tem­bre di quest’anno per le edi­zioni online, men­tre i dati delle ven­dite sono aggior­nati a luglio 2011. Il totale del mer­cato è ripor­tato a 100 in maniera “fit­ti­zia” per ren­dere il più omo­ge­neo pos­si­bile il con­fronto tra i due seg­menti che sap­piamo essere molto più arti­co­lati e com­plessi di quanto rap­pre­sen­tato dalla tabella di sin­tesi sot­to­ri­por­tata. In base a que­sta, minima, pre­ci­sa­zione meto­do­lo­gica, per inqua­drare i con­torni gene­rali è pos­si­bile con­te­stua­liz­zare meglio il pano­rama gene­rale e le sin­gole specificità.

Com­ples­si­va­mente, tra le testate prese in con­si­de­ra­zione, si evi­den­zia, ad esclu­sione di  «Gaz­zet­tino» e «Mes­sag­gero», entrambi dello stesso gruppo edi­to­riale [Cal­ta­gi­rone], anda­mento nega­tivo per le ven­dite della ver­sione car­ta­cea alle quali cor­ri­sponde invece posi­ti­vità per numero di utenti unici che acce­dono al sito web cor­ri­spon­dente alla mede­sima testata.

L’andamento nega­tivo dei quo­ti­diani tra­di­zio­nali è con­fer­mato, anche se solo in forma aggre­gata, dai dati FIEG che sono aggior­nati a set­tem­bre 2011.  Sep­pure in maniera meno accen­tuata rispetto ad altre nazioni, anche in Ita­lia dun­que si assi­ste ad un  pro­gres­sivo spo­sta­mento verso l’online. Ten­denza che, visti dati di per­ma­nenza sul sito e per sin­gola pagina, al momento, a mio avviso si con­cen­tra sui let­tori deboli di quo­ti­diani tra­di­zio­nali, su coloro, per dirla in una bat­tuta, che comun­que già prima non com­pra­vano quo­ti­dia­na­mente il gior­nale in edicola.

Sono por­tato a rite­nere che invece per gli “heavy users”, per chi frui­sce di infor­ma­zione con con­ti­nuità, si tratti di dupli­ca­zione, di sovrap­po­si­zione tra piat­ta­forme diverse, anche, in fun­zione di momenti diversi della gior­nata. E’ una sen­sa­zione, un’ ipo­tesi di lavoro, che pare essere con­fer­mata dallo share, dalla quota che cia­scuna testata ha nei due formati.

Pro­prio dall’analisi dello share sulle diverse piat­ta­forme emerge come «La Repub­blica» ed «Il Cor­riere della Sera» siano molto sopra la loro quota di mer­cato car­ta­ceo, bene­fi­ciando sia di  inve­sti­menti rea­liz­zati in ambito digi­tale cer­ta­mente supe­riori alle altre testate che del fatto di essere gene­ra­li­sti e nazionali.

A livello di sin­gola pub­bli­ca­zione si evi­den­zia, da un lato, la forza rela­tiva del «Fatto Quo­ti­diano» in Rete con una quota quasi dop­pia rispetto all’edizione car­ta­cea e, dall’altro lato, un alli­nea­mento “per­fetto” tra edi­zione digi­tale e car­ta­cea del «Sole24Ore» con­tra­ria­mente a quanto avviene per gli altri quo­ti­diani presi in considerazione.

Forse il dato più inte­res­sante che emerge dall’analisi rea­liz­zata è rela­tivo a come, com­ples­si­va­mente, l’informazione online sia deci­sa­mente più con­cen­trata rispetto a quella car­ta­cea con le prime 4 testate che rac­col­gono il 65% degli utenti con­tro il 49% delle ven­dite. Una con­cen­tra­zione che con­tri­bui­sce a spie­gare ulte­rior­mente la dif­fi­coltà di emer­gere da parte delle nuove ini­zia­tive edi­to­riali, dei cosi­detti “super­blog”. Sotto que­sto pro­filo sem­bre­rebbe dun­que che la van­tata plu­ra­lità della Rete sia distante dalla realtà delle cose. Aspetto che, evi­den­te­mente, impatta diret­ta­mente non solo sulla qua­lità dell’informazione ma anche sulle pro­spet­tive di otte­nere ricavi dall’online da parte degli “outsider”.

Se a com­mento dei dati Audi­web sono state mosse per­ples­sità da più parti, per­so­nal­mente resto deci­sa­mente più dub­bioso sull’attendibilità dei dati Audi­press che ho incluso nella tavola di sin­tesi che che pre­fe­ri­sco, per que­sto motivo, aste­nermi dal commentare.

Sem­pre in  tema di com­menti, in con­clu­sione, ancora una volta, ogni com­mento è gra­dito, auspi­cato, non­chè gratuito.

- Clicca per Ingrandire -

Profile photo of Pier Luca Santoro
Social

Pier Luca Santoro

Marketing & Communication at DataMediaHub
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification.
Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].
Profile photo of Pier Luca Santoro
Social

Latest posts by Pier Luca San­toro (see all)

Creative Commons License
This work, unless other­wise expres­sly sta­ted, is licen­sed under a Crea­tive Com­mons Attribution-NonCommercial 4.0 Inter­na­tio­nal License.