Posted on 6 novembre 2011 by Pier Luca Santoro

La Strategia Multipiattaforma del New York Times

Arthur Sulzberger, chairman, membro direttivo del  «New York Times», ha tenuto all’inizio di questo mese una lecture presso la London School ef Economics sulla trasformazione, sull’evoluzione verso il digitale del quotidiano statunitense.

Il discorso riporta la strategia multipiattaforma del NYT evidenziando il ruolo ed il significato di ciascun supporto.

Emerge con chiarezza come non si tratti solamente di produrre adattamenti, più o meno abilmente realizzati, della versione cartacea dei quotidiani bensì di definire modalità ed occasioni di consumo, di fruizione dell’informazione.

Si evince con altrettanta chiarezza come non vi sia contrapposizione tra una versione e l’altra ma, molto spesso, sovrapposizione, con lo stesso lettore, la medesima persona che a seconda del momento utilizza uno o l’altro supporto  in base alla propria convenienza, attingendo alla stessa fonte d’informazione su carta, smartphone e tablet.

Si conferma come se a tutt’oggi molti degli editori pensino ad erogare i contenuti in termini di piattaforma, di contenitore, questo non avvenga da parte degli utenti che hanno una visione orizzontale anzichè verticale.

La convenienza, non non va intesa solo sotto il profilo economico ma anche a livello di risparmio di tempo, risorse ed eventuale frustrazione nella fruizione.  Si tratta di una situazione “fluida”, senza stabilità, nella quale il contesto di riferimento cambia in continuazione, nel quale l’unico elemento di certezza pare risiedere nella costatazione della necessità di raccogliere sotto un ombrello più ampio rispetto al passato tutti i diritti, e relativi ricavi potenziali, invece di tentare di raccoglierli separatamente da ciascun supporto, da ciascuna piattaforma.

Credo sia indubbiamente questo il punto di svolta di mentalità di approccio che possa portare alla realizzazione della tanto auspicata convergenza.

Il caso del debutto di Michele Santoro in onda contemporanemente su più canali, più mezzi [Web incluso] , ed il successo ottenuto, ne sono una conferma anche per quanto riguarda più direttamente il nostro Paese.

Parebbe che si chiami multichannel marketing. Torneremo presto a parlarne, garantisco!

Word Cloud della Lecture di Sulzberger