Archive: 3 novembre 2011

Pubblicato il 3 novembre 2011 by Pier Luca Santoro

L’impatto di Internet sulla Crescita Economica

McKin­sey ha reso dispo­ni­bile l’estratto dello stu­dio «The great tran­sfor­mer: The impact of the Inter­net on eco­no­mic gro­wth and pro­spe­rity», rap­porto che inve­stiga il ruolo e l’impatto di Inter­net sull’economia.

Il Web nel suo com­plesso pesa il 3,4% del PIL delle eco­no­mie avan­zate del mondo, que­sto signi­fica che se fosse un set­tore eco­no­mico defi­nito avrebbe un peso spe­ci­fico supe­riore all’agricoltura e, quasi, pari a quello dei tra­sporti ed al totale del Pro­dotto Interno Lordo di Spa­gna o Canada.

Lo stu­dio evi­den­zia anche come le imprese che fanno un uti­lizzo intenso delle tec­no­lo­gie web based abbiano tassi di svi­luppo, di cre­scita deci­sa­mente supe­riori alla media, men­tre il sur­plus, il valore aggiunto gene­rato da Inter­net varia, a seconda delle dif­fe­renti nazioni, tra i 18 ed i 28 $ men­sili per cia­scun utente.

Nel rap­porto McKin­sey effet­tua una mappa di cor­re­la­zione tra il tasso di con­tri­bu­zione di Inter­net al PIL di cia­scuna nazione e l’ Inter­net Eco­sy­stem Index, indice creato dalla società di con­su­lenza che misura quat­tro aree chiave dello svi­luppo del digi­tale: capi­tale umano, capi­tale finan­zia­rio, infra­strut­ture e ambiente di business.

L’Italia, già iden­ti­fi­cato pre­ce­den­te­mente come Paese “pigro” in uno stu­dio ana­logo con­dotto da Boston Con­sul­ting Group, si con­ferma essere nazione con un’incidenza del digi­tale rispetto alla pro­pria eco­no­mia infe­riore alla mag­gio­ranza degli stati presi in con­si­de­ra­zione. Ele­mento che, se pos­si­bile, peg­giora ulte­rior­mente in con­si­de­ra­zione della sta­ti­cità rile­vata al riguardo.

Le moti­va­zioni di fondo di que­sta situa­zione sono state iden­ti­fi­cate con chia­rezza dallo stu­dio «Map­ping Digi­tal Media: Italy» pub­bli­cato un paio di set­ti­mane fa.

Enne­sima misura di abuso di cre­di­bi­lità pour cause.

Pubblicato il 3 novembre 2011 by Pier Luca Santoro

Segmentazione dell’Audience per Sport

«La Repub­blica» ha lan­ciato una nuova ini­zia­tiva di seg­men­ta­zione dell’audience attra­verso Twitter.

Da ieri gli utenti di Twit­ter, iscri­ven­dosi all’account spe­ci­fi­ca­ta­mente dedi­cato, potranno rice­vere attra­verso la piat­ta­forma di micro­blog­ging aggior­na­menti rela­tivi alla loro squa­dra di cal­cio preferita.

Ogni “fol­lo­wer” tro­verà nella pro­pria time­line tutte le noti­zie del giorno rela­tive a quando di suo inte­resse e, ovvia­mente, il link alla pagina dedi­cata ad hoc all’interno del sito del quo­ti­diano in questione.

Idea non straor­di­na­ria­mente inno­va­tiva ma cer­ta­mente inte­res­sante, da moni­to­rare per veri­fi­carne l’esito.

[Via]