Archive: 25 agosto 2011

Pubblicato il 25 agosto 2011 by Pier Luca Santoro

ShareApocalypse

Sum­mify “tira la volata” al pro­prio ser­vi­zio e mostra in un’infografica la massa infi­nita di infor­ma­zioni che ven­gono con­di­vise attra­verso i prin­ci­pali social network.

Numeri tanto inte­res­santi quanto impres­sio­nanti che for­ni­scono la rea­son why, la moti­va­zione, alla nascita dei pro­mo­ted media come mezzo di comu­ni­ca­zione cor­po­rate neces­sa­rio ad otte­nere evi­denza del pro­prio mes­sag­gio, per riu­scire ad ovviare al sovrac­ca­rico infor­ma­tivo al quale gli inter­nauti sono sot­to­po­sti anche nei social network:

Si genera così un appa­rente para­dosso tra con­di­vi­sione di con­te­nuti e neces­sità di pro­muo­verli sul quale si impone una rifles­sione: che sia in chiave di comu­ni­ca­zione azien­dale o in un’ottica di por­gere infor­ma­zione in chiave gior­na­li­stica lavo­rare su cri­teri basati sulla rile­vanza pare l’unica solu­zione praticabile.

- Clicca per Ingrandire -

Pubblicato il 25 agosto 2011 by Pier Luca Santoro

Focalizzati sulle Competenze Tecniche

Sta ormai alla prima pagina del bignami sulle buone pra­ti­che in ambito lavo­ra­tivo la que­stione delle 3C:

  • Cono­no­scenze: Il sapere di un individuo
  • Com­pe­tenze: La capa­cità “pra­tica” di saper appli­care il sapere
  • Com­por­ta­menti: Modi di agire e stra­te­gie gene­rali di azione dell’individuo nell’esercizio della sua professione

Secondo i risul­tati di una ricerca svolta dal Natio­nal Coun­cil for the Trai­ning of Jour­na­lists [NTCJ], accre­di­tato isti­tuto di for­ma­zione alla pro­fes­sione gior­na­li­stica, per oltre 100 edi­tori anglo­sas­soni il focus è sulle com­pe­tenze tecniche.

Il son­dag­gio online, al quale sono seguiti focus group di appro­fon­di­mento in diverse città della Gran Bre­ta­gna, evi­den­zia come ai primi posti degli skill rite­nuti rile­vanti vi siano gli aspetti tec­nici, quelli più tra­di­zio­nali della pro­fes­sione gior­na­li­stica, men­tre sono fana­lino di coda l’interazione con i let­tori, uti­lizzo delle tec­no­lo­gie web based e social media.

Sono evi­denze che defi­ni­scono la misura della distanza ancora da col­mare tra com­por­ta­menti ed inte­ressi dei let­tori e quelli di molte redazioni.

[Via]