Posted on 2 agosto 2011 by

Facoltosi sulla Carta

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+1Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Ipsos, noto isti­tuto inter­na­zio­nale di ricer­che di fama ed affi­da­bi­lità rico­no­sciuta, svolge un’indagine con­ti­nua­tiva men­sile sugli sta­tu­ni­tensi che hanno un red­dito supe­riore ai 100mila dol­lari. Si tratta di una fascia della popo­la­zione affluente ed influente che pesa nume­ri­ca­mente il 20% del totale ma che detiene tra il 60 ed il 70% della richezza degli USA.

Nella colonna men­sile tenuta su AdAge, Bob Shull­man e Ste­phen Kraus, rispet­ti­va­mente Pre­si­dente e Respon­sa­bile gene­rale delle ricer­che della pre­ci­tata società, hanno pub­bli­cato ieri i risul­tati dell’ultima rile­va­zione effet­tuata foca­liz­zan­dosi sulle abi­tu­dini di let­tura della fascia bene­stante degli americani.

I dati pub­bli­cati mostrano chia­ra­mente un pat­tern di con­sumo dei media tra­di­zio­nale con una for­tis­sima pro­pen­sione, anche nella fascia d’età 18 –34 anni, di frui­zione di quo­ti­diani e rivi­ste nel for­mato tra­di­zio­nale cartaceo.

Se il futuro dei gior­nali è infor­ma­zione modu­lare, disu­ni­voca, e strut­tura mul­ti­forme delle testate, non vi è dub­bio che la morte annun­ciata da guru pour cause sia ancora ben lon­tana dal venire.

Media usage among all Affluents. Source: Men­del­sohn Affluent Barometer

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+1Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page