Pubblicato il 18 luglio 2011 by Pier Luca Santoro

Attention Catcher

L’utilizzo del corpo delle donne nella comu­ni­ca­zione pub­bli­ci­ta­ria, spesso fuori con­te­sto se non fuori luogo,  è legato all’idea che possa essere ele­mento per atti­rare l’attenzione nei con­fronti della marca/prodotto dell’annuncio.

I risul­tati di una ricerca di Eye­Track­Shop sem­bre­reb­bero dimo­strare il contrario.

Lo stu­dio, secondo quanto ripor­tato dal Daily Mail, ha sot­to­po­sto ad un cam­pione di uomini e donne due recenti cam­pa­gne pub­bli­ci­ta­rie di H&M e Ree­bok la cui cen­tra­lità del visual è il corpo di una donna iden­ti­fi­cando i punti di atten­zione, il per­corso ed il tempo di per­ma­nenza per cia­scuno degli ele­menti dell’annuncio.

In entrambi i casi il brand ed il pro­dotto sono gli ultimi ele­menti sui quali si foca­lizza l’interesse, ed il tempo speso, sia da parte degli uomini che delle donne.

La sot­tile, ma non tra­scu­ra­bile, distin­zione tra atti­rare l’attenzione e susci­tare l’interesse ed il coin­vol­gi­mento nei con­fronti del messaggio.

[Via]