Posted on 12 luglio 2011 by

Applicatevi

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+1Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Flurry ha ana­liz­zato l’utilizzo di oltre 85mila appli­ca­zioni per smart­pho­nes moni­to­rando 15 miliardi di ses­sioni da parte degli utenti nel mese di mag­gio di quest’anno. Sono stati presi in con­si­de­ra­zione tutti i diversi sistemi ope­ra­tivi dispo­ni­bili [iOS, Android, Blac­k­Berry, Win­dows Phone and J2ME] per veri­fi­care pene­tra­zione ed uti­lizzo delle appli­ca­zioni per le cin­que prin­ci­pali nazioni euro­pee Ita­lia inclusa.

Secondo i risul­tati emer­genti dall’analisi, la somma dei cin­que stati presi in con­si­de­ra­zione [UK, Fran­cia, Ger­ma­nia, Ita­lia & Spa­gna] è di 46 milioni di utenti che men­sil­mente uti­liz­zano almeno un’applicazione sul loro “tele­fo­nino intel­li­gente” pari ad una pene­tra­zione del 20% circa della popo­la­zione di que­ste nazioni. In Ita­lia vi sono 4,5 milioni di utenti men­sili attivi pari al 9% del totale. Si tratta della minor pene­tra­zione tra i paesi con­si­de­rati dall’analisi nono­stante l’utilizzo di smart­phone nel nostro paese pre­senti un tasso di cre­scita [11%] tra i più dinamici.

Come era emerso pre­ce­den­te­mente da altre ana­lisi e ricer­che effet­tuate al riguardo, la cate­go­ria delle noti­zie, e dun­que delle appli­ca­zioni rea­liz­zate dagli edi­tori, è quella che ottiene il minor inte­resse con i gio­chi che si con­fer­mano essere ciò che mag­gior­mente attira le per­sone in tutti gli stati, ad ecce­zione dell’Italia dove invece pre­val­gono le appli­ca­zioni per il social net­wor­king.

Gli smart­pho­nes e le appli­ca­zioni rea­liz­zate per faci­li­tare, e mone­tiz­zare, il loro cre­scente uti­lizzo, rap­pre­sen­tano già oggi un canale, un media impor­tante per numero di per­sone e loro carat­te­ri­sti­che. Sem­bra che allo stato attuale il com­parto edi­to­riale sia escluso da que­sta oppor­tu­nità. E’ evi­dente che non si tratta di un pro­blema di uti­lizzo delle tec­no­lo­gie dispo­ni­bili ma di capa­cità di coin­vol­gi­mento delle persone.

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+1Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page