Archive:21 aprile 2011

Posted on 21 aprile 2011 by Pier Luca Santoro

Chi Cerca Trov@

Sono passate poco più di 48 ore dal lancio di “The Stream” da parte di Al Jazeera e dall’altra parte del mondo arriva subito la replica.

Il Washington Post, come era stato annunciato da tempo, ha lanciato ieri “Trove”, aggregatore sociale di notizie e informazioni.

Il sito aggrega le informazioni da oltre 10mila fonti calcolando gli interessi del lettore in funzione degli interessi rilevati dall’account su Facebook, attraverso il quale si accede con le proprie credenziali, e grazie all’osservazione implicita dei comportamenti dell’utente ed esplicita delle preferenze di selezione effettuate.

Un ulteriore livello di personalizzazione è garantito dal monitoraggio delle fonti social del lettore, Facebook, Twitter ed altro, che i propri contatti segnalano.

Se aggregazione e rilevanza sono effettivamente, come ritengo, elementi qualificanti e distintivi nell’attuale fase, il prodotto del WP sembra essere davvero sulla strada giusta.

Come sempre avviene in qualsiasi settore di mercato, e dunque anche in ambito editoriale, grazie alla sperimentazione, chi cerca trov@!

Al tempo stesso il New York Times sferra un deciso attacco al già traballante Daily di Murdoch ed entra, con lo stesso posizionamento di prezzo [$34.99 all’anno], nel segmento delle applicazioni per leggere le notizie su iPad con NewsMe. Se ne segnala marginalmente l’uscita poichè la reason why, le motivazioni ed i punti di forza del prodotto appaiono davvero deboli.

Posted on 21 aprile 2011 by Pier Luca Santoro

MediaMente

L’infografica prodotta dal “Sole24Ore” riassume con buon dettaglio lo stato dei media e dell’informazione in Italia, paragonando i diversi mezzi con le altre principali economie europee.

Si conferma lo strapotere televisivo, anomalia denunciata anche nel recente rapporto della FIEG, e lo stato relativamente depresso di tutti gli altri mezzi di comunicazione nei quali il nostro paese recita perlopiù il ruolo di fanalino di coda.

Se il 2010 sarà ricordato come l’anno delle novità, resta ben presente l’attualità della certezza di un’arretratezza complessiva che talvolta appare incolmabile.

[Via]

Vai alla barra degli strumenti