Archive: 20 aprile 2011

Pubblicato il 20 aprile 2011 by Pier Luca Santoro

The Global Information Technology Report 2010–2011

L’impatto dell’information com­mu­ni­ca­tion tech­no­logy nella tra­sfor­ma­zione della società con­tem­po­ra­nea in ter­mini di moder­niz­za­zione ed inno­va­zione, ed i riflessi posi­tivi sulle eco­no­mie nazio­nali, sono un dato di fatto incontrovertibile.

The Glo­bal Infor­ma­tion Tech­no­logy Report 2010–2011 ana­lizza la “tra­sfor­ma­zione 2.0″ di 138 nazioni del mondo, Ita­lia inclusa, trac­ciando il pro­filo più com­pleto attual­mente dispo­ni­bile sul pro­cesso di svi­luppo e com­pe­ti­ti­vità di cia­scun paese.

The Net­wor­ked Rea­di­ness Index, clas­si­fica cia­scuno stato in rela­zione agli altri presi in con­si­de­ra­zione, sulla base di tre para­me­tri principali:

- Ambiente di rife­ri­mento in ter­mini legi­sla­tivi e di infra­strut­ture disponibili

- La dispo­ni­bi­lità di governi, imprese e indi­vi­dui all’utilizzo dell’ICT

- L’effettivo uti­lizzo dell’ICT da parte dei tre attori dello sce­na­rio di riferimento

Lo stu­dio in ben 435 pagine trac­cia un pano­rama dav­vero com­pleto dello sce­na­rio attuale e delle sue evo­lu­zioni nel pros­simo quin­quen­nio. L’Italia, ahimè, ancora una volta non ne esce bene, clas­si­fi­can­dosi nelle ultime posi­zioni delle eco­no­mie avanzate.

Pubblicato il 20 aprile 2011 by Pier Luca Santoro

Gestione della Comunità di Utenti & Crowdsourcing Nucleare

Le prime pagine dei quo­ti­diani nazio­nali di oggi sono tutte dedi­cate, con accenti e visioni diverse come sem­pre accade, al nucleare.

Sul tema “The Guar­dian”, nella sua ver­sione online che figura all’interno dei top 10 siti d’informazione a livelllo mon­diale,  for­ni­sce un’importante lezione su come gestire e favo­rire la par­te­ci­pa­zione dell’utenza.

Dopo aver richie­sto infatti, all’inzio di que­sto mese, il con­tri­buto dei let­tori su come fer­mare le fughe radioat­tive della cen­trale di Fuku­shima, le ha rac­colte in un docu­mento rias­sun­tivo con tutte le pro­po­ste ricevute.

Si va da quelle di diversi pro­fes­sori uni­ver­si­tari esperti in mate­ria al mura­tore che pro­pone di costruire un sar­co­fago di cemento armato sopra la cen­trale, pas­sando per astro­fici e con­su­lenti ambien­tali, senza tra­scu­rare quella di colui che si firma con la defi­ni­zione di “genius”.

I con­tri­buti migliori sono stati ripresi e pub­bli­cati ieri con un’infografica inte­rat­tiva che è un pezzo d’autore per chia­rezza e pos­si­bi­lità di appro­fon­di­mento del tema.

Una case history da inse­rire nel pros­simo libro sul “gior­na­li­smo 2.0″.

- Clicca per Acce­dere alla Ver­sione Interattiva -