Archive:19 aprile 2011

Posted on 19 aprile 2011 by Pier Luca Santoro

Dove Vanno i Nostri Euro

Datablog, spazio del Guardian dedicato al data journalism, la cui metodologia di lavoro costituisce un punto di riferimento, riprende stamani il lavoro svolto da Open Spending sulla distribuzione della spesa pubblica in Italia.

Grafica interattiva ed una serie storica di dati degli ultimi 12 anni per sapere dove vanno i nostri euro.

Update: Correttamente, su FriendFeed, l’amico Gaspar Torriero segnala che dalle voci manca  la spesa per il servizio del debito pubblico, che rappresenta più del 40% della spesa totale.

A margine, si segnala l’importante lavoro svolto da Gigi Cogo, insieme ad un gruppo di professionisti ed amici, in prima linea nella battaglia per l’open data nella pubblica amministrazione.

Posted on 19 aprile 2011 by Pier Luca Santoro

The Stream

Al Jazeera, forte del successo raccolto nel mondo occidentale grazie all’ottimo lavoro svolto nella copertura della rivolta araba, ha lanciato ieri alle 19.30 GMT una social media community con programmi televisivi propri.

“The Stream” il nome scelto per l’iniziativa dedicata  principalmente all’attivismo sociale, a ciò che coinvolge emotivamente le persone, come dimostrano le prime storie pubblicate. Lo strumento utilizzato per raccogliere le storie, le vicende su temi di attualità è Storify.

Oltre ad essere interessante e lodevole per la scelta dei temi, l’opzione di  Al Jazeera ripercorre la scelta del Pais con Eskup di creare una propria community.

Personalmente mi appare una scelta decisamente migliore rispetto all’opzione più comune di inserirsi in “casa d’altri”, generalmente Facebook, come la maggioranza dei media sta facendo in questo ultimo anno, con indubbi vantaggi sia in termini di relazione con la comunità di utenti che, in maniera più speculativa, di trattenimento nel proprio sito.

Grazie a questa modalità scelta, si concretizza, infatti, l’ampliamento di forme di raccontare le notizie, di fornire informazione, sul web coinvolgendo l’audience in maniera partecipativa. Gli utenti possono creare un proprio profilo, o utilizzare quello creato per Facebook e Twitter, mantenendo l’informazione come motivo centrale intorno al quale si sviluppa e consolida la comunità.

Vai alla barra degli strumenti