Posted on 6 aprile 2011 by Pier Luca Santoro

Giornali Online in Italia: Una Visione Completa

La pubblicazione dei numeri dei quotidiani online ha suscitato su FriendFeed una discussione sulla parzialità dei dati. Mi ero impegnato ad approfondire e grazie alla pubblicazione dei dati Audiweb aggiornati a febbraio 2011 la possibilità di farlo si è concretizzata.

La tavola di sintesi riporta infatti la classificazione delle prime 35 fonti informative online in Italia con il dettaglio del ranking per pagine viste, utenti unici e tempo per utente per ciascun sito web. Dalla tabella sono esclusi Repubblica.it [1.542.171 utenti unici e 14,8 milioni di pagine viste] e Corriere.it [1.372.702 utenti unici e 14,4 milioni di pagine viste], leader storici del segmento a conferma del valore del brand anche per quanto riguarda i media.

Clicca per Ingrandire

Al di là del profondo divario esistente tra “Repubblica” e “Corsera” e le altre fonti d’informazione online, si confermano fondamentalmente le considerazioni espresse in precedenza, con un gap sostanziale tra i player tradizionali ed i new comers, le start up digitali che si affidano esclusivamente all’online. Vengono confermate altrettanto le posizioni dei diversi quotidiani online, seppur con qualche oscillazione rispetto al mese precedente, e la leadership del segmento da parte di Dagospia che entra nella top ten generale in termini di tempo speso per utente.

Il sito del TGCom, con un numero di pagine viste ed utenti unici superiore a quelli di “Gazzetta” ed Ansa, evidenzia il potere trainante della televisione, oltre che del marchio ancora una volta, sull’online.

Non vi è dubbio alcuno, credo, che l’attualità ed il futuro dell’informazione nel nostro paese non siano monoformato e monocanale se non per nicchie estremamente ristrette la cui redditività è ben lontana da venire.

La vera sfida da vincere è quella della convergenza editoriale non della battaglia degli uni contro gli altri.