Archive:1 aprile 2011

Posted on 1 aprile 2011 by Pier Luca Santoro

Narrazioni Interattive

The Viral Sockpuppets è un gioco di ruolo interattivo generato dagli utenti che combina narrazione cinematografica, video blogging, L.A.R.P.ing e viral marketing con l’obiettivo di realizzare un nuovo modo di generare idee e sviluppare storie.

L’esperienza realizzata durante il gioco è caratterizzata da una narrativa “in progress” che si sviluppa secondo i desideri dei giocatori, dell’audience.

Il protagonista deve risolvere diversi problemi. Dopo ogni episodio il giocatore richiede alla comunità su YouTube di produrre dei video di risposta che spieghino come andrebbero avanti nella risoluzione del gioco. Ogni giocatore diventa un personaggio della narrativa del gioco ed interagisce con i diversi cittadini che costituiscono la popolazione  virtuale del mondo di The Viral Sockpuppets.

Al termine di ogni girone un nuovo brief viene caricato da the Viral Sockpuppets Press nel canale YouTube appositamente dedicato per informare la comunità di giocatori sulle opzioni disponibili e richiedendo di segnalare con un “like” il video di risposta favorito.

Al termine di una settimana di votazioni, di segnalazione delle preferenze, si ricomincia con un nuovo capitolo della storia. Lo stato di avanzamento attuale è al terzo episodio.

E’ possibile seguire la storia, anche, attraverso Twitter.

Stimolante iniziativa di crowdsourced storytelling che testimonia concretamente le possibilità già attualmente realizzabili in ambito giornalistico e, più in generale, editoriale.

Posted on 1 aprile 2011 by Pier Luca Santoro

Rete Solidale

Alle 600mila persone evacuate a causa del terremoto/tsunami giapponese, se ne stanno aggiungendo circa altre 200mila costrette a fuggire dalle proprie abitazioni per il pericolo delle radiazioni nucleari.

Un numero impressionate di persone senza casa al quale viene in aiuto la solidarietà umana attraverso la rete.

Sparkrelief Japan ha realizzato un servizio che consente di offrire casa a chi è rimasto senza o se ne deve comunque allontanare e, altrettanto, di inserire delle richieste da parte di chi è stato più dierattamente colpito da questa tragedia umana.

Oltre alla mappa generale che visualizza la posizione delle abitazioni disponibili, è possibile affettuare delle ricerche in funzione delle proprie esigenze selezionando località, numero di persone per le quali vi è necessità ed altri dettagli ancora.

Concreta dimostrazione, letteralmente, di rete solidale, si presta egregiamente ad essere esempio, anche, per una gestione efficace di quanto sta avvenendo con gli sbarchi dei profughi nordafricani a Lampedusa.

Vai alla barra degli strumenti