Archive: 1 aprile 2011

Pubblicato il 1 aprile 2011 by Pier Luca Santoro

Narrazioni Interattive

The Viral Soc­k­pup­pets è un gioco di ruolo inte­rat­tivo gene­rato dagli utenti che com­bina nar­ra­zione cine­ma­to­gra­fica, video blog­ging, L.A.R.P.ing e viral mar­ke­ting con l’obiettivo di rea­liz­zare un nuovo modo di gene­rare idee e svi­lup­pare storie.

L’esperienza rea­liz­zata durante il gioco è carat­te­riz­zata da una nar­ra­tiva “in pro­gress” che si svi­luppa secondo i desi­deri dei gio­ca­tori, dell’audience.

Il pro­ta­go­ni­sta deve risol­vere diversi pro­blemi. Dopo ogni epi­so­dio il gio­ca­tore richiede alla comu­nità su You­Tube di pro­durre dei video di rispo­sta che spie­ghino come andreb­bero avanti nella riso­lu­zione del gioco. Ogni gio­ca­tore diventa un per­so­nag­gio della nar­ra­tiva del gioco ed inte­ra­gi­sce con i diversi cit­ta­dini che costi­tui­scono la popo­la­zione  vir­tuale del mondo di The Viral Sockpuppets.

Al ter­mine di ogni girone un nuovo brief viene cari­cato da the Viral Soc­k­pup­pets Press nel canale You­Tube appo­si­ta­mente dedi­cato per infor­mare la comu­nità di gio­ca­tori sulle opzioni dispo­ni­bili e richie­dendo di segna­lare con un “like” il video di rispo­sta favorito.

Al ter­mine di una set­ti­mana di vota­zioni, di segna­la­zione delle pre­fe­renze, si rico­min­cia con un nuovo capi­tolo della sto­ria. Lo stato di avan­za­mento attuale è al terzo episodio.

E’ pos­si­bile seguire la sto­ria, anche, attra­verso Twit­ter.

Sti­mo­lante ini­zia­tiva di cro­wd­sour­ced sto­ry­tel­ling che testi­mo­nia con­cre­ta­mente le pos­si­bi­lità già attual­mente rea­liz­za­bili in ambito gior­na­li­stico e, più in gene­rale, editoriale.

Pubblicato il 1 aprile 2011 by Pier Luca Santoro

Rete Solidale

Alle 600mila per­sone eva­cuate a causa del terremoto/tsunami giap­po­nese, se ne stanno aggiun­gendo circa altre 200mila costrette a fug­gire dalle pro­prie abi­ta­zioni per il peri­colo delle radia­zioni nucleari.

Un numero impres­sio­nate di per­sone senza casa al quale viene in aiuto la soli­da­rietà umana attra­verso la rete.

Spar­kre­lief Japan ha rea­liz­zato un ser­vi­zio che con­sente di offrire casa a chi è rima­sto senza o se ne deve comun­que allon­ta­nare e, altret­tanto, di inse­rire delle richie­ste da parte di chi è stato più die­rat­ta­mente col­pito da que­sta tra­ge­dia umana.

Oltre alla mappa gene­rale che visua­lizza la posi­zione delle abi­ta­zioni dispo­ni­bili, è pos­si­bile affet­tuare delle ricer­che in fun­zione delle pro­prie esi­genze sele­zio­nando loca­lità, numero di per­sone per le quali vi è neces­sità ed altri det­ta­gli ancora.

Con­creta dimo­stra­zione, let­te­ral­mente, di rete soli­dale, si pre­sta egre­gia­mente ad essere esem­pio, anche, per una gestione effi­cace di quanto sta avve­nendo con gli sbar­chi dei pro­fu­ghi nor­da­fri­cani a Lam­pe­dusa.