Posted on 25 ottobre 2010 by

Fonti d’Informazione & Convergenza Editoriale

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Demos ha rila­sciato sta­mane i risul­tati dell’inda­gine rela­tiva al rap­porto con l’informazione da parte degli italiani.

Dopo tele­vi­sione e radio, inter­net è il terzo media in ter­mini di uti­lizzo quo­ti­diano con oltre un terzo della popo­la­zione che afferma di uti­liz­zarlo quotidianamente.

Viene dun­que con­fer­mata la rile­vanza di que­sto media [*] anche se, dopo il balzo tra 2007 e 2009, si tratta più di un con­so­li­da­mento che di un ulte­riore crescita.

Il mondo dei let­tori di quo­ti­diani sem­bra, attual­mente, con­ti­nuare a pri­vi­le­giare la ver­sione tra­di­zio­nale car­ta­cea e la pene­tra­zione di coloro che leg­gono esclu­si­va­mente on line le noti­zie è di poco supe­riore al 10%

Non vi è dub­bio che, in pro­spet­tiva, il futuro dei quo­ti­diani si gio­cherà sulla capa­cità di rea­liz­zare siner­gie, con­ver­genza, tra le ver­sioni digi­tali e quelle tra­di­zio­nali, uti­liz­zando cia­scun mezzo, cia­scuna ver­sione a sup­porto dell’altra.

E’ una tesi che viene soste­nuta da tempo in que­sti spazi.

[*] Nota: in una logica sociale inter­net più che un media dovrebbe più pro­pria­mente essere con­si­de­rato un ambiente.

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page