Posted on 22 ottobre 2010 by

Silenzio Stampa

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

La nona edi­zione della clas­si­fica annuale sulla libertà di stampa vede l’Italia al 49° posto.

Come evi­den­ziato in pre­ce­denza, è la con­di­zione di un paese con serie pro­ble­ma­ti­che per quanto riguarda la libertà d’espressione che viene para­go­nato, clas­si­fi­cato pari­te­ti­ca­mente, al Bur­kina Faso sotto que­sto profilo.

Il nostro paese deve la cat­tiva valu­ta­zione alle minacce mafiose, che una decina di gior­na­li­sti hanno avuto, alla pre­senza di un ordine pro­fes­sio­nale di set­tore, ai ten­ta­tivi di legge bava­glio e alla pre­senza di  un primo mini­stro, tycoon dei media pri­vati e forte nei pubblici.

La noti­zia della clas­si­fica del rap­porto rea­liz­zato da Repor­ters sans Fron­tiè­res ha otte­nuto il giu­sto eco in ogni angolo del mondo ed i quo­ti­diani della stra­grande mag­gio­ranza dei paesi del pia­neta hanno segna­lato, con mag­gior o minor appro­fon­di­mento, la noti­zia.

Anche nelle nazioni che escono male dal rap­porto quali Fran­cia e Spa­gna la coper­tura infor­ma­tiva è stata asso­lu­ta­mente adeguata.

Non è così in Ita­lia dove, ad oggi, vige il silen­zio stampa pres­so­ché totale.

Diceva Michele Serra tempo fa nella sua rubrica quo­ti­diana [“L’Amaca”]: “…….que­sto schifo non trova una defi­ni­zione tec­nica con­vin­cente nella parola “regime”. Si chiama con­for­mi­smo, o ser­vi­li­smo, o pigri­zia intel­let­tuale, o doci­lità pro­fes­sio­nale, o zelo azien­da­li­sta, ed è molto peg­gio, per­ché affonda le sue radici non in regole liber­ti­cide o in cen­sure con­cla­mate, ma nella pro­gres­siva assue­fa­zione di un paese intero……all’ inci­vile assetto dell’ infor­ma­zione in Ita­lia“.

Appunto!

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page