Posted on 8 ottobre 2010 by

Il Potere della Condivisione delle Notizie

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Il broa­d­ca­ster sta­tu­ni­tense CNN ha rila­sciato ieri i risul­tati della ricerca deno­mi­nata Pow­nar [power of news and recommendation].

Come dichiara, Didier Mor­messe, SVP, Ad Sales Research, Deve­lo­p­ment & Audience Insight at CNN Inter­na­tio­nal, ““Kno­wing the typo­logy of shared con­tent is signi­fi­cant as the infor­ma­tion could be used by agen­cies as a gui­de­line to mould crea­tive and the­re­fore make their adver­ti­sing more effec­tive to consumers”

Il pro­getto di ricerca si è svolto tra giu­gno ed ago­sto di quest’anno coin­vol­gendo 2300 rispon­denti on line a livello internazionale.

La legge di Pareto [80/20] si applica anche alla con­di­vi­sione di infor­ma­zioni, di noti­zie, con il 27% del cam­pione che con­di­vide l’87% del totale.

La mag­gior parte delle noti­zie con­di­vise con­ten­gono un com­mento all’informazione diffusa.

Le noti­zie dell’ultima ora [“brea­king news”] pesano il 19% del totale , par­rebbe dun­que che la tem­pe­sti­vità sia meno fon­da­men­tale dell’attendibilità e dell’approfondimento dell’informazione.

I social media pesano il 43%  del totale dei mezzi uti­liz­zati per con­di­vi­dere infor­ma­zioni, seguiti da e mail al 30% e sms al 15%.

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page