Posted on 6 ottobre 2010 by

Discorsi tra le Nuvole

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Il discorso, la let­tera di de Bor­toli coin­cide con quella che James M. Moro­ney, diret­tore del Dal­las Mor­ning News, ha pub­bli­cato lo stesso giorno in occa­sione del 125esimo del quotidiano.

Sostan­zial­mente il tema di fondo è il mede­simo, il pro­fondo cam­bia­mento in atto, le evo­lu­zioni nel sistema di dif­fu­sione delle noti­zie, l’impatto di inter­net e la neces­sità di cam­bia­mento che tutto ciò pre­sup­pone per chi di mestiere, gior­na­li­sti e edi­tori, opera in quest’ambito.

Ho pro­vato, con l’ausilio di wordle come d’abitudine, a creare la visua­liz­za­zione di entrambi i ragio­na­menti dei due diret­tori dei quo­ti­diani per veri­fi­care comu­nanze ed even­tuali distin­guo nelle tesi proposte.

Salta subito all’occhio come la foca­liz­za­zione, sep­pur per giun­gere con­cet­tual­mente allo stesso obiet­tivo, sia distinta.

Si evi­den­zia nel ragio­na­mento del Diret­tore del Cor­riere della Sera una mag­gior con­cen­tra­zione sull’interno, sull’organizzazione interna e sul pro­dotto. Spic­cano infatti i ter­mini «accet­ta­bile», «col­le­ghi» e «giornale».

Non è così per il suo col­lega sta­tu­ni­tense che pare deci­sa­mente più orien­tato all’esterno, al risul­tato, come sem­bre­rebbe dall’evidenza con la quale emer­gono le parole «Dal­las», «peo­ple», «news» e, non in ultimo «think».

Se in ordine di prin­ci­pio non ho motivo di dubi­tare della bontà delle inten­zioni in entrambi i casi, non posso non rile­vare come l’esempio sta­tu­ni­tense posi­ti­vizzi i con­cetti ren­den­doli dun­que, a parità di con­di­zione, più accet­ta­bili più condivisibili.

Quando si dia­loga con pro­fes­sio­ni­sti della comu­ni­ca­zione quali sono i gior­na­li­sti sono con­cetti basici da non trascurare.

Word Cloud: de Bor­toli – Cor­riere della Sera —

Word Cloud: James M. Moro­ney – Dal­las Mor­ning News -


Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page