L’Edicola del Futuro & Il Futuro delle Edicole

Nella crisi che sta attraversando l’editoria i diversi soggetti coinvolti trovano tavoli a cui sedersi ed interlocutori con i quali trattare, negoziare possibili soluzioni. Che si tratti di giornalisti o di editori gli interessi della categoria rappresentata sono portati avanti.

Nell’affannosa ricerca di un’ancora di salvezza si perseguono molto spesso interessi che sono specifici di questa o quella categoria senza che vi sia una visione d’assieme di implicazioni e soluzioni organiche. Testimonianza concreta di ciò è rappresentato dal sostanziale silenzio, dopo tentativi inqualificabili, sotto il quale sono passate le raccomandazioni emerse dal documento redatto dall’antitrust quasi un anno fa e rimasto, ad oggi, lettera morta.

I giornalai mal rappresentati, stretti nella morsa del “si salvi chi può”, sono in una condizione di sofferenza sia economico-finanziaria che psicologica. Condizione che passa sotto il silenzio generale da tempo anche per l’incapacità [o peggio] degli organismi delegati a rappresentarli la cui inadeguatezza ha dato vita a gruppi di protesta virtuale ed ora ad un nascente “sindacato padano” con la Lega pronta a cavalcare lo scontento che serpeggia da lungo tempo.

In oltre venti anni di lavoro ho avuto l’opportunità di conoscere molti settori e mercati ed ovviamente anche i relativi canali di sbocco commerciale o distributivo, quel che avviene nel canale edicole non ha uguali e non può continuare oltre con le modalità praticate sin ora, né per quella frangia qualificata dell’editoria né tanto meno per chi gestisce una rivendita, un’edicola.

Al momento della redazione di questo articolo una proposta, della quale avevo parlato in questi spazi tempo fa, ha registrato 38 preferenze [“likes”] e ben 293 commenti spingendomi a tentare di dare organizzazione e concretezza all’insieme di temi.

Nella maggior sintesi possibile, per punti, schematizzando.

1) Sviluppo Aree & Logiche di Business per il Canale Edicole:

  • Differenziazione tra negozi “misti” [promiscui] che rappresentano già il 50% del totale ed esclusivi, in termini di offerta, livelli compenso, premi, assortimento.
  • Creazione di circuiti di comunicazione nazionali, regionali e provinciali che affittino spazi di comunicazione in vetrina e sul banco delle edicole.
  • Rinegoziazione degli attuali margini sui servizi accessori offerti a partire dalle ricariche telefoniche i cui costi dell’abolizione del fee a carico del consumatore sono stati ribaltati esclusivamente sulle rivendite.
  • Qualificazione del canale attraverso l’offerta esclusiva di prodotti nell’ ambito editoriale seppure in maniera allargata [libri, musica….etc.]
  • Introduzione di servizi integrativi esclusivi coerenti con la mission di servizio pubblico del canale [biglietterie treni, concerti, bus lunga percorrenza…etc.Introduzione di servizi coerenti con la mission istituzionale del canale quali quelli di “print on demand” con articolazione dell’offerta dalla stampa del quotidiano personalizzato a altri collaterali legati alla carta stampata nel suo complesso.

2) Sviluppo di Canale & Comunicazione della Filiera Editoriale:

  • Contributi sino ad un massimale di 2000 euro per punto vendita/ragione sociale per l’informatizzazione della rete di edicole. Contributo statale del 70% a fondo perduto e dal 10 al 15% a carico degli editori in ragione del volume d’affari del singolo punto vendita.
  • Censimento e stratificazione dei circa 35mila punti vendita al dettaglio che coprono il territorio nazionale, affinché per ciascuna realtà possano essere adottate le logiche di fornitura e distribuzione realmente adeguate alle esigenze.
  • Introduzione di incontri mensili a livello provinciale tra giornalai, distributore locale e un editore a rotazione.
  • Creazione di un osservatorio permanente su il futuro dell’edicola e l’edicola del futuro composto da rappresentanti di tutta la filiera [inclusi giornalisti e concessionarie pubblicità] che con cadenza semestrale si confrontino, aggiornino e lavorino congiuntamente sul tema.
  • Creazione di campagne di comunicazione promo pubblicitaria che abbiano l’obiettivo di valorizzare la funzione delle edicole in virtù della loro considerazione di servizio pubblico, la loro capillarità in termini di presenza sul territorio ed ancora il servizio offerto con orari di apertura spesso vicini alle 24h/die.

3) Le Regole del Gioco:

  • Abrogazione della parità di trattamento ed introduzione di un fee [quotidiani esclusi] per l’introduzione di nuovi prodotti editoriali nel canale edicole.
  • Tagli prezzo a carico dell’editore e non del canale di vendita con riconoscimento di una compensazione rispetto al margine in valore assoluto consueto in caso di operazione di cut price o abbinamento riviste [banded].
  • Penali in caso di inserimento coupon per abbonamenti nei quali lo sconto offerto superi il valore riconosciuto al trade [distributori+edicole]
  • Riconoscimento di un fee per inserimento campioni di prodotto nelle riviste settimanali e mensili.
  • Revisione dei criteri di definizione di cosa sia prodotto editoriale e relative autorizzazioni.
  • Ripristino del contratto estimatorio tra edicolanti ed editori
  • Penali ai distributori locali, che gestiscono le zone di competenza come feudi barocchi, che non effettuino forniture adeguate sulla base dello storico delle vendite del singolo cliente [edicola]
  • Riconoscimento di un fee per il lavoro di inserimento di allegati svolto dall’edicolante

Diceva l’indimenticabile De Curtis in una delle sue celebri battute “dove dobbiamo andare per dove dobbiamo andare?” Ho cercato di osservare la situazione da più di una prospettiva tentando di comprendere nei temi proposti una visione che sia funzionale ed interessante non solo per questa o quella categoria, convinto che un sistema si [ri]costruisca solo facendo sistema, includendo e considerando interessi di tutti gli attori coinvolti.

Credo che sia importante disintermediare l’intermediazione, fare rete per dare voce, corpo e sostanza a questi concetti e a tutti quelli che è possibile aggiungere. Anche per riuscire ad ottenere il giusto risalto mediatico credo sia importante sancire un primo momento del percorso in cui ritrovarsi, discutere, programmare e ripartire le attività nate dalle proposte condivise. Con questo obiettivo, vorrei organizzare un barcamp, in concomitanza con eventi legati al mondo dell’informazione quale [per citare il più vicino temporalmente] il Festival Internazionale di inizio ottobre.

Chi vuole collavorare e collaborare a questa ipotesi metta, cortesemente, “un dito qui sotto” nei commenti. Grazie.

Foto del profilo di Pier Luca Santoro
Social

Pier Luca Santoro

Marketing & Communication at DataMediaHub
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification.
Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].
Foto del profilo di Pier Luca Santoro
Social

Latest posts by Pier Luca Santoro (see all)

Copyright © 2010. All Rights Reserved.

Foto del profilo di Pier Luca Santoro
About Pier Luca Santoro 2544 Articoli
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification. Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].

15 Commenti su L’Edicola del Futuro & Il Futuro delle Edicole

  1. Sempre sul forum sopra indicato è possibile leggere un documento che preparammo nel 2007 e che inviammo a tutte le OOSS. Molti dei punti espressi in questo blog è possibile rintracciarli nel documento comune.
    http://www.exsinagi.forumup.it
    Nell’home page cliccare su documento comune.
    Gli addetti ai lavori (cioè noi) concordiamo sempre sulle misure da prendere, ma coloro che firmano in vece nostra non ascoltano. Sono stati sordi allora, temo che resteranno sordi anche oggi.

  2. Ma nooooo dai! Blog leghista? Ma no, hai preso un granchio. Forse allora non sei così attento come vuoi far credere. Purtroppo non abbiamo ancora completato alcuni aspetti del blog, che vuol esser in ogni caso solo una pagina informativa. Nel mese di novembre abbiamo avuto un cambio distributivo che ci ha massacrato ( http://edicolepuntobusiness.blogspot.com/2010/07/cosa-succede-nel-sud-di-milano.html), da allora ci sentiamo parecchio tra colleghi nella zona anche con le sigle sindacali ufficiali, ma anche direttamente con editori e il mondo politico. Poiché come ben saprai la comunicazione veloce è fondamentale, stimo utilizzando internet….che novità!!!Mi. Facciamo le nostre assemblee nella zona Sud di Milano ma ci stiamo allargando a livello di “contatti personali” anche a Milano. Alle nostre assemblee, se ti fa piacere credici, hanno partecipato esponenti del P.D. e un Sindaco del P.D.L., abbiamo contattato L’assessore della Regione Lombardia Maullu che è venuto ad una nostra assemblea. Interveniamo con il legale e ci tassiamo per pagare la sala delle assemblee. Condividiamo le rispettive conoscenze e professionalità in modo da poter essere presenti sul territorio per poter seguire il meglio il nostro lavoro. Ti dirò anzi che penso che il maggiore dei problemi della nostra categoria è che spesso non conosciamo il collega vicino a noi. Mi spiace che non ti piacciano le nostre idee, anche eprchè sono quelle degli edicolanti, anche se mi auguro che in futuro ci possano essere argomenti per te più stimolanti o condivisibili. Ti informo che abbiamo messo in atto azioni promozionali e pubblicitari ech emagari possono servirti come indirizzo per mettere in pratica idee e progetti che molti hanno in tasca. Ti auguro un buon lavoro anche perché sono convinto che i fini alla “fine” siano assolutamente comuni. Solo un ultimo appunto….questa non “l’edicola futura…” e se vuoi far due chiacchiere…

    Ciao

  3. @Edicole del sud di MI: Conosco bene la vs storia, ne ho parlato a suo tempo —> http://giornalaio.wordpress.com/2010/05/14/se-80-ore-vi-sembran-poche/
    Forse mi sono spiegato male, il blog non è leghista ma segnala [e “linka”] ad un gruppo che fa riferimento ad un ex fascista ora onorevole della lega da cui sta nascendo lo SNAP “il sindacato padano” dei giornalai.

    Tranne per il caso di Vittorio Pasteris, mi pare che non si sia capito o che nella sintesi non mi sia spiegato bene io. In ogni caso… il barcamp non è una cosa che organizzo io è una cosa che – eventualmente – organizziamo tutti insieme, richiede tempo, energie e risorse che da solo sono impossibili da più di un punto di vista.
    Ferrara è interessante ma è un obbiettivo molto ambizioso, forse irrealistico visto il poco tempo che resta. Bisognerebbe contarsi e vedere come fare; mi spiego?
    Saluti.
    PLuca

  4. Le ideologie bisogna lasciarle fuori dalla nostra categoria.
    Non apportano benefici.
    Siamo tutti accomunati da un grave danno, tutti, quelli di destra e quelli di sinistra, leghisti, padani, federalisti, unitari, giovani, vecchi, maschi, femmine.
    Il danno è il 18,77% calcolato sul prezzo di copertina che sta uccidendo tutti e non guarda in faccia nessuno,né tantomeno si preoccupa delle sciarpe al collo o delle bandiere al balcone.
    Se non si infrange questo tabù, non c’è futuro per nessuno.

  5. Ok, concordo con le idee e le intenzioni. Attenzione però a non ricadere in uno dei peggiori difetti degli Italiani: tante, tante, troppe parole e niente fatti !
    Anche perchè gli edicolanti lavorano dalle 6 del mattino alle 20,00 di sera e di tempo per iniziative innovative ne hanno ben poco !

  6. ■Tagli prezzo a carico dell’editore e non del canale di vendita con riconoscimento di una compensazione rispetto al margine in valore assoluto consueto in caso di operazione di cut price o abbinamento riviste [banded].

    Un Editore, senza che nessuno glielo abbia chiesto, l’ha già fatto, varie volte e continua a farlo…….
    è un punto solo, è vero, ma da qualche parte bisogna pur cominciare.
    ma intanto…….riscontri pochini……..

Lascia un commento

Vai alla barra degli strumenti