aprile 2010

Posted on 30 aprile 2010 by Pier Luca Santoro

MediaBugs

Arriva il correttore di errori della stampa.

Dopo quasi un anno di sperimentazioni ha visto la luce MediaBugs, progetto diretto da Scott Rosembreg e finanziato dalla Knight Foundation. L’iniziativa vuole essere un terreno di confronto civile che riunisca gli errori e migliori la comunicazione tra cittadinanza attiva e giornalisti riunendo tutti gli errori ed omissioni in un solo sito con l’obiettivo di risolverli.

Una volta pubblicato l’errore, i suoi responsabili – redattori, capi servizio o editori – possono spiegare il proprio punto di vista e le misure adottate per risolverlo.

MediaBugs, seppur ancora in beta, ha iniziato ad essere pubblico dal 20 di aprile e sin ora ha raccolta una decina di errori dei quali solo uno è stato corretto al momento. Il servizio attualmente è funzionale solo per la stampa statunitense ed, in particolare, per quella dell’area della baia di San Francisco.

Chissà mai che, come è avvenuto con Spot.Us, non venga realizzata la versione italiana, ce ne sarebbe un gran bisogno.

Posted on 30 aprile 2010 by Pier Luca Santoro

Iperconcentrazione della Stampa in Italia

Le 24 pagine dello speciale regalato per celebrare i primi 40 anni di vita del Manifesto sono tutte da guardare e da leggere.

Offrono uno spaccato approfondito dello stato dell’arte dei media nel nostro paese da diverse prospettive, sintetizzando la massa di informazioni con infografiche chiare e ben realizzate.

Tra tutte ho scelto quella relativa all’iperconcentrazione della stampa nel nostro paese che mostra come circa il tre quarti del mercato sia nelle mani di cinque gruppi editoriali: RCS, L’Espresso, Mondadori, Il Sole24Ore e Caltagirone; dettagliando per ciascun editore la tipologia di attività.

Se pochi attori detengono il mercato e riescono ad avere bilanci in passivo viene naturale pensare o che non sappiano fare il proprio mestiere o che gli interessi economici di chi detiene il comando di questi gruppi siano rivolti altrove.  Nessuna delle due ipotesi è di conforto per chi lavora, a vario titolo, in questo settore.

- clicca per ingrandire -

Ringrazio gli amici del Manifesto per avermi fornito il file immagine soprariportato con cortesia e sollecitudine. Ricordo che lo speciale è disponibile per il download gratuito.

Posted on 29 aprile 2010 by Pier Luca Santoro

Ad Literacy

Per aiutare i bambini a comprendere la pubblicità, la Federal Trade Commission statunitense ha prodotto un gioco ideato per educare la fascia di età pre-adolescenziale [8-12 anni] a comprendere quest’ area della comunicazione.

Come si può leggere nella home page del sito creato ad hoc per lo scopo, “La pubblicità è ovunque, online, all’esterno e in televisione. Chi realizza gli annunci? Come funzionano? Che scopo hanno? Qui lo scoprirai, imparerai ed esplorerai”

Il gioco è composto di 4 livelli di gioco [The Atrium, Assemblimater, Planadtarium and Adgitator] per sviluppare la capacità critica, in termini di capacità di discernere, e comprendere come gli annunci sono “targettizzati”. I giocatori imparano attraverso un percorso esperienziale basato su prodotti reali quali Choco Crunch cereal e Cleanology acne medication.

Sono state realizzate anche due aree di supporto per i genitori e gli insegnanti affinché possano supportare il processo di scoperta ed apprendimento critico favorito dal gioco.

Admongo, integra video, esempi di annunci pubblicitari, un glossario dei termini usati e molto altro ancora rendendolo davvero completo, confermando, se necessario, ruolo ed importanza dell’edutainment.

Un percorso che personalmente mi sento di suggerire non solo ai più piccini.

Posted on 29 aprile 2010 by Pier Luca Santoro

Flussi Tipografici

Julian Hansen, studente danese di graphic design, ha creato questa sorprendente e splendida tavola, labirinto di scelte tipografiche.

Modello alternativo di scelta, in funzione del progetto da realizzare, in vendita sul laminato 24×18 dal 02 Maggio prossimo venturo.

Realizzazione davvero pregevole oltreché funzionale, come illustra l’autore esemplificando con quali modalità è arrivato a determinare il carattere da utilizzare per la tavola.

- clicca per ingrandire -

Posted on 28 aprile 2010 by Pier Luca Santoro

40 Cents per un Peluche [per Pensatori Liberi]

Il Manifesto, secondo i dati relativi alle diffusioni dei quotidiani rilasciati ieri, scende per la prima volta sotto le 20mila copie.

Non è un buon modo, purtroppo, per festeggiare l’anniversario di quarant’anni di [r]esistenza del giornale che cade proprio oggi.

Per l’occasione il quotidiano comunista mette in vendita il giornale a 40 centesimi omaggiando uno speciale sulla libertà di stampa che è di grande valore per qualità dei contenuti.

Una iniziativa di pregio che prosegue nella direzione giusta. Se non riusciste a trovarlo potete scaricarlo liberamente a partire da stasera.

Dice Alessandro Robecchi, in uno dei rari casi in cui non utilizza la sua ficcante ironia, che la vita comincia a 40 anni.

Avendo già formulato qualche minimo suggerimento, oggi non posso che limitarmi a formulare alla redazione i miei migliori auguri. Per il sottoscritto dopo 33 anni di lettura del quotidiano in questione , seppur con frequenze diverse in distinti periodi, sarebbe come perdere il primo peluche; anche se lo teniamo impolverato in uno scaffale nascosto siamo contenti di sapere di averlo.

Older Posts
Vai alla barra degli strumenti