Considerazioni ai margini della comunicazione [politica]

Al termine della scorsa settimana, da un lato, Giovanni Boccia Artieri, dopo aver promosso su FriendFeed una interessante discussione sulla campagna elettorale del Partito Democratico, ne riassume il senso , dall’altro Michele Serra sintetizza a modo suo le candidature e le prospettive politiche per le regionali.

Artieri cita il mix fra competenze professionali, passionalità, riconoscimento e presa di distanza dei cittadini connessi per concludere che “la Rete è un contesto ricco, dove accanto alla superficialità di alcune conversazioni troviamo la possibilità di confronto competente” mentre i riferimenti continui di Serra alle candidature che sarebbero preferite da blogger e più in generale dal popolo del web, seppur con sapiente e gradevole ironia, sono in chiave più critica.

Entrambi gli articoli, seppur da prospettive e con modalità distinte, sono accomunati da citazioni e riferimenti alla rete ed alla comunicazione che vi si sviluppa, oltreché da un sentimento di evidente smarrimento rispetto al tortuoso cammino del Partito Democratico.

Non posso che suggerire in ambo i casi la lettura completa di quanto è stato scritto dagli autorevoli interpreti.

Personalmente sono portato a ritenere che il problema del PD non stia nella comunicazione [che oggettivamente è pietosa] ma nella carenza di una identità, di una proposta credibile, in cui la modalità di porgere è il contorno di una visione la cui mancanza viene resa evidente anche al più distratto dal continuo tourbillon di segretari compromessi [letteralmente e non] da qualsivoglia prospettiva li si osservi. Come diceva recentemente Tony Siino, non è che se un prodotto fa cagare gli utenti e continui a pomparlo come se nulla fosse quelli si convertiranno; scusate per il francesismo ma credo che renda l’idea in sintesi.

Mi pare che il sottoprodotto delle ironie di Serra sia l’invito condivisibile di un necessario ritorno alla realtà di circoli elitari, avanguardie che per testimoniare appieno l’avvenuto passaggio alla fase di maturità dovrebbero tenere in maggior considerazione quanto avviene offline. Il più recente dei casi, su quello che è il distacco apparente dal mondo reale, per restare nell’ambito di quelli che sono una parte importante dei miei interessi, è rappresentato dall’entusiasmo che raccolgono i quotidiani on line nella versione dedicata agli smartphones e la realtà dei numeri.

Il richiamo di Artieri mi pare possa valere insomma sia per il PD che per un’ampia fetta dei blogger.

C’è anche un’altra Italia provate [proviamo?] a tenerne conto.

Social

Pier Luca Santoro

Marketing & Communication at DataMediaHub
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification.
Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].
Social

Latest posts by Pier Luca Santoro (see all)

0 thoughts on “Considerazioni ai margini della comunicazione [politica]

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.