Five key reasons why newspapapers are failing

Lucidissima analisi ed ottimo approfondimento sulle motivazioni di “failure”dei quotidiani quelle redatte da Bill Wyman pochi giorni fa.

L’analisi si sviluppa in due articoli e il mio personale consiglio è di stamparseli.

Nel primo articolo i punti analizzati sono:

  • 1. Consumers don’t pay for news. They have never paid for news. [vd]

  • 2. Newspapers are the product of monopolist thinking [vd]

Nel seguito sono trattati:

  • 3. Timidity doesn’t work on the web[vd]

  • 4. The staffs of the papers, from management down to the reporters, deserve a big share of the blame [vd]

  • 5. Newspaper websites suck [vd]

Assumptions

Si segnalano, inoltre, le considerazioni di Valeria Maltoni sul tema.

Foto del profilo di Pier Luca Santoro
Social

Pier Luca Santoro

Marketing & Communication at DataMediaHub
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification.
Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].
Foto del profilo di Pier Luca Santoro
Social

Latest posts by Pier Luca Santoro (see all)

Copyright © 2009. All Rights Reserved.

Foto del profilo di Pier Luca Santoro
About Pier Luca Santoro 2520 Articoli
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification. Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].

Commenta per primo

Lascia un commento

Vai alla barra degli strumenti