Posted on 13 luglio 2009 by Pier Luca Santoro

The [Un]Printed Blog

Ad inizio di quest’anno era stato lanciato un settimanale gratuito basato sull’aggregazione di contenuti dai blog.

L’iniziativa aveva destato interesse e curiosità da parte dei media e degli addetti ai lavori, sia per la volontà di compiere il percorso inverso rispetto a quello che pare essere la tendenza generale che per il modello di business che si fondava sulla raccolta di pubblicità locale per ripartire poi i proventi con i 300 blogger autori degli articoli pubblicati. Il settimanale, nato con l’ambizione di essere realizzato in ben 50 distinte edizioni, nella realtà si era già ridimensionato e veniva distribuito nelle stazioni del trasporto pubblico di Chicago e San Francisco.

Dal 27 Gennaio 2009 ad oggi sono stati realizzati 16 numeri di The Printed Blog, distribuite 80mila copie su carta e ne sono state scaricate altre 100mila da internet.

E’ del 07 Luglio l’annuncio del fondatore che ne comunica la chiusura per problemi economici.

The Printed Blog

Nell’articolo di commiato dai lettori Josh Karp racconta le lezioni che ritiene di aver imparato da questa – fallimentare – esperienza:

1) If you have a compelling vision for the future (not necessarily for a business), you can get incredibly talented people to work for free. Post an ad on Craigslist. It’s far easier to sell a vision of the future, than the reality of the present.

2) If you have a good idea, don’t let yourself get pulled away from it: Stay focused! This was probably the biggest single lesson that I learned too late, and if I had realized it, we may not be shutting down.

3) Don’t write a long business plan. Write a good summary, have a good presentation, and have a good revenue / business model.

4) If you think you can get revenue, do it.

5) If you’re looking for money from a venture capitalist, make sure you have a venture capitalist DEAL

6)Finally, the most important thing you have is time. Make sure you spend it on the right things every day. What are the right things? You’ll know soon enough if you’re not spending your time on them.

Riflessioni apparentemente scontate che troppo spesso vengono [dis]perse nel cammino di una impresa,editoriale e non. Speriamo che le esperienze di altri possano servire d’insegnamento.

Ah! Pare che ora Josh Karp abbia a new dream, questa volta a pagamento.