Posted on 10 luglio 2009 by

Media, Advertising and Trust

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Esat­ta­mente una set­ti­mana fa abbiamo pub­bli­cato i risul­tati di una ricerca effet­tuata da Har­ris Inte­rac­tive , in col­la­bo­ra­zione con Adweek Media, rela­ti­va­mente ai livelli di influenza della comu­ni­ca­zione pub­bli­ci­ta­ria a seconda del media.

L’articolo pub­bli­cato, come sem­pre più spesso avviene, ha susci­tato un con­fronto su Frien­d­Feed in cui sono state espresse riserve e citati studi che affer­me­reb­bero il con­tra­rio di quanto si evidenziava.

Abbiamo cer­cato di affron­tare il discorso anche da una ango­la­zione diversa ad ini­zio di que­sta set­ti­mana sin­te­tiz­zando e, come sem­pre, for­nendo la per­so­nale inter­pre­ta­zione dei risul­tati di uno stu­dio del Reu­ters Insti­tute for the Study of Jour­na­lism che ha inve­sti­gato in pro­fon­dità la fidu­cia nelle noti­zie e nei media.

Pro­viamo oggi a chiu­dere tem­po­ra­nea­mente il cer­chio gra­zie alla recen­tis­sima pub­bli­ca­zione da parte di Niel­sen dei risul­tati del Glo­bal Online Con­su­mer Survey.

La ricerca perio­di­ca­mente rac­co­glie ed ana­lizza l’opinione di ben 25mila inter­nauti di 50 nazioni diverse [Ita­lia com­presa] ren­dendo così pos­si­bile anche il raf­fronto rispetto alle edi­zioni precedenti.

Com­ples­si­va­mente ven­gono con­fer­mate le prime impres­sioni di Mar­cello non­ché i risul­tati della pre­ci­tata ricerca.

Come emerge dal gra­fico di sin­tesi dei risul­tati sot­to­stante, tra i media tra­di­zio­nali si con­ferma ancora una volta la tele­vi­sione star del sistema di comu­ni­ca­zione promo-pubblicitaria. Abbiamo, inol­tre, la con­ferma della inef­fi­ca­cia dei ban­ner su internet.

% completamente + abbastanza fiduciosi
% com­ple­ta­mente + abba­stanza fiduciosi

Come ipo­tiz­zavo è pri­ma­rio il ruolo del pas­sa­pa­rola sia on line che nella vita e nei con­tatti quo­ti­diani del con­te­sto sociale di appar­te­nenza. Mi pare asso­lu­ta­mente inte­res­sante evi­den­ziare l’importanza del ruolo delle PR che otten­gono uno score del 69% al di sopra di tutte le altre forme di comu­ni­ca­zione promo-.pubblicitaria.

I gior­nali? Pur man­te­nendo un livello di fidu­cia e cre­di­bi­lità digni­toso, ponen­dosi appena dopo la tele­vi­sione, hanno un trend nega­tivo rispetto all’indagine pre­ce­dente. Anche per quanto riguarda inter­net c’è ancora molto lavoro che deve essere fatto.

TRUST_chart

Per quanto riguarda in maniera più spe­ci­fica i risul­tati rela­tivi all’Italia, i con­si­gli di per­sone che si cono­scono otten­gono l’85% di livello di fidu­cia, men­tre quelli pub­bli­cati on line si atte­stano all’ 80% . Risulta dun­que evi­dente, da un lato la rile­vanza dei con­su­mer gene­ra­ted media e, dall’altro la sem­pre più pres­sante neces­sità per media e pub­bli­ci­tari di costruire rela­zioni sociali [in anti­tesi ad esclu­si­va­mente com­mer­ciali] fidu­cia­rie e per­ciò durature.

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page