Pubblicato il 19 marzo 2009 by Pier Luca Santoro

La forma e la sostanza

Sem­pre attra­verso la mede­sima moda­lità, in data 10 Marzo, rice­viamo l’ennesima comu­ni­ca­zione dal SINAGI.

Oggetto: Con­vo­ca­zione Assemblea.

Non posso aste­nermi ripren­derne alcuni passaggi:

Ricor­diamo ai riven­di­tori infor­ma­tiz­zati l’invito a par­te­ci­pare all’assemblea che si terrà il 19 Marzo [oggi per voi che leg­gete] alle ore 16 presso l’Hotel XZQN§ che ser­virà ad illu­strarci da un col­lega di Bolo­gna un sistema di infor­ma­tiz­za­zione diverso da quello che usiamo a Fer­rara e che si chiama «INFORIV». Impor­tante è capire quale dei due sia più con­sono alle esi­genze dei gior­na­lai: e chi meglio di Voi può fare un raf­fronto e dare un giu­di­zio in merito? [.….….…] Natu­ral­mente nes­suna deci­sione verrà presa in assem­blea, ma ci ser­virà per discu­tere ed in un secondo momento deci­dere cosa fare. Fac­ciamo un caldo invito ad essere pre­senti, spe­cial­mente chi è già infor­ma­tiz­zato”.

Il Segre­ta­rio Prov.

XXXX

L’italiano è tal­mente sgram­ma­ti­cato che diviene quasi incom­pren­si­bile in alcuni pas­saggi, supe­rando la cele­bre mac­chietta nella quale Anto­nio De Cur­tis detta una let­tera a Pep­pino De Filippo.

La sostanza è ahimè ancor più pre­oc­cu­pante. Veniamo con­vo­cati ad una riu­nione che — come espli­ci­tato — non porta ad alcuna deci­sione e durante la quale invece di poter fruire della con­su­lenza e dell’assistenza del sin­da­cato rela­ti­va­mente ad un soft­ware già dif­fuso in altre aree, sono i gior­na­lai a doversi recare fisi­ca­mente in un luogo per fare con­su­lenza al sindacato.

Siamo evi­den­te­mente di fronte a sog­getti che igno­rano asso­lu­ta­mente sia il ter­mine che il signi­fi­cato di proat­ti­vità e che, altret­tanto, disco­no­scono moda­lità più razio­nali ed effi­caci di rac­co­gliere informazioni.

Invece del master per edi­co­lanti sug­ge­rito par­rebbe prio­ri­ta­rio un corso di alfa­be­tiz­za­zione per stranieri.

Essere rap­pre­sen­tato nel rap­porto con edi­tori e distri­bu­tori da costoro mi pre­oc­cupa non poco sia nella forma che nella sostanza.

Update: Il caso vuole che pro­prio sta­mane — sem­pre in accom­pa­gna­mento alla bolla delo distri­bu­tore — riceva la mia tes­sera 2009 del SINAGI: 30€ .….….adde­bi­tati nell’estratto conto sem­pre del distri­bu­tore. Fan­ta­stico!