Posted on 14 marzo 2009 by Pier Luca Santoro

Micromarketing dell’edicola – 1st Round

Non so se sia la definizione più corretta ma non mi sarei mai azzardato ad usurpare il prefisso mini al legittimo proprietario.

Fatta questa, doverosa, breve premessa, entriamo nello specifico del tema di oggi.

Il micromarketing dell’edicolante.

Dopo aver tentativamente mappato le aree di business dell’edicola, vediamo cosa oggettivamente può fare il titolare di un’ edicola.

Una delle citazioni che più spesso mi capita di utilizzare recita: “se non sai dove sei, non sai dove stai andando“.

1st round, dunque, misurazione.

Uno dei primi parametri, a mio avviso, di utilità è relativo alla misurazione del parco clienti e del numero di accessi giornalieri all’esercizio commerciale.

Sin dall’inizio dell’attività [nel tempo pubblicherò alcuni esempi di quanto realizzato] ho preso l’abitudine di consegnare a tutti i miei clienti uno scritto, fosse un aforisma, una poesia, un pensiero o, perchè no, un recall sui prodotti/servizi offerti.

In questo modo ritengo di aver assolto ad almeno due obiettivi:

  • Costruire una relazione, anche tramite questa modalità.
  • Misurare, appunto, nel tempo [avendolo fatto ripetutamente] il numero di clienti/accessi al punto vendita. Trecento fogli – ad esempio – consegnati equivalgono a trecento accessi, semplice no?

Spero di aver fornito uno stimolo positivo ad altri miei colleghi e, forse, anche a chi ha altre attività commerciali.

In attesa di approfondire nei prossimi “round” relativi al micromarketing dell’ edicola, conto sul vostro graditissimo feedback.