Pubblicato il 13 marzo 2009 by Pier Luca Santoro

Pets a pezz

Nel ten­ta­tivo di effet­tuare una map­pa­tura del mar­ke­ting dell’edicola le figu­rine sono state posi­zio­nate ideal­mente nell’area bassa della mappa poi­ché il rap­porto tra quan­tità e varietà rice­vute di figu­rine e cards e la richie­sta effet­tiva di que­sta tipo­lo­gia di pro­dotti è dav­vero sbi­lan­ciato. Se volete farvi un’ idea di che cosa si stia par­lando il sito web del Con­sor­zio Imprese Dif­fu­sione Figu­rine [CIDIF] è un buon punto di partenza.

Orien­ta­ti­va­mente è pos­si­bile affer­mare che, fatto 100 il numero e la varietà rice­vuta, il sell out cor­ri­sponde circa a 10/15. In que­sta gene­ra­liz­za­zione ovvia­mente esi­stono i due estremi opposti:da un lato alcune col­le­zioni di suc­cesso con buona rota­zione e rior­dini oltre la prima for­ni­tura [i “mitici” Cal­cia­tori Panini per tutte] dall’altro cada­veri che giac­ciono — occu­pando spa­zio pre­zioso — per mesi sugli scaf­fali.

Emble­ma­tico in tal senso è il numero di figu­rine e cards dedi­cate ad ani­ma­letti di vario genere e tipo.

A seguito del rela­tivo suc­cesso dei “cuc­cioli cerca amici” sono state lan­ciate una miriade di varianti sul tema; si va da ” i cuc­cio­losi” a “cubo­lotti love pup­pies” pas­sando per il più sfac­ciato — in ter­mini di simi­li­tu­dine dell’originale — “amici cuc­cio­lotti“seguiti, ad adbun­da­tiam, da“the dog”, “amici dog’s col­lec­tion” e “teneri cuccioli”.

I fol­lo­wers dell’iniziativa della Gio­chi Pre­ziosi giac­ciono inven­duti e impol­ve­rati, in alcuni casi, da mesi in attesa che final­mente possa rispe­dirli al mittente.

Nei rari momenti di pausa lavo­ra­tiva osservo gli ingom­branti display box [di rea­liz­za­zione car­to­tec­nica appros­si­ma­tiva ad essere gene­roso] con­te­nenti que­ste mera­vi­gliose ini­zia­tive edi­to­riali invia­temi d’ufficio senza pos­si­bi­lità alcuna di respin­gerli da parte mia e rifletto sul futuro che attende gli edicolanti.

pets a pezz