Posted on 11 marzo 2009 by

Buona la prima

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Che si tratti dell’ultima rac­colta di dvd di Alira Kuro­sawa o del corso per impa­rare a dise­gnare in sole 260 pun­tate e tutte le altre varianti sul tema tutti gli edi­tori indi­scri­mi­na­ta­mente pro­pon­gono la prima uscita a prezzi al pub­blico che variano da 0,50 a 2,00 €.

Soli­ta­mente alla prima uscita l’edicolante riceve un numero straor­di­na­rio di copie che suc­ces­si­va­mente, nella mia espe­rienza, dalla seconda uscita si riduce di circa l’80%.

L’ingenuo o, come nel mio caso, il novi­zio si chiede per­chè mai gli edi­tori sosten­gano costi di lan­cio esor­bi­tanti con prezzi al pub­blico ridi­coli per otte­nerne redemp­tion che agli occhi [e per le tasche] dell’edicolante sono ridicole.

Il cavallo di troia e la rela­tiva spie­ga­zione alle effet­tive moti­va­zioni e rela­tive dina­mi­che potrebbe chia­marsi cou­pon d’abbonamento.

Di fatto gli edi­tori sfrut­tano l’edicola come piat­ta­forma per rac­co­gliere ven­dite a loro esclu­sivo bene­fi­cio attra­verso gli abbo­na­menti che pro­pon­gono con scon­ti­sti­che che vanno ben oltre que­gli che sono gli aggi [qs. il ter­mine che viene comu­ne­mente usato] con­cessi al giornalaio.

Que­sto feno­meno è ormai tal­mente dif­fuso e noto che è stato intro­dotto sulla base dell’ Accordo Nazio­nale, a par­ziale com­pen­sa­zione per l’edicolante, l’ ART. 8 — Remu­ne­ra­zione per l’attività di ven­dita: “Il primo numero delle pub­bli­ca­zioni di nuova uscita e le enci­clo­pe­die esclu­si­va­mente alfa­be­ti­che e com­po­ste di soli fasci­coli car­ta­cei desti­nate ad essere rile­gate in volumi, non­ché le rela­tive coper­tine e rac­co­gli­tori, sono sog­getti ad uno sconto sup­ple­men­tare del 5% sulla base del prezzo defi­sca­liz­zato di ces­sione al pub­blico”, che nor­mal­mente par­rebbe non essere rico­no­sciuto.

Spero di aver for­nito una prima rispo­sta al recente con­tri­buto di Luigi ; a breve pro­verò ad esa­mi­nare il ruolo ed il signi­fi­cato di que­sta dina­mica per cia­scuno degli attori della filiera.

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page